Thursday, March 26, 2015

Mainstream Islamic Culture, and a more modern view

I don't like to get too involved in the Israeli-Palestine Conflict because it is filled with misinformed outrage. I generally like to leave it at, Both sides need to stop. However, that actually makes me a radical, since a huge crowd has built against Israel alone, the Zionists. As such, my examination and reflection has taken me to the basics. The Arab Muslims have been manipulated by their leaders, who they have followed in large numbers, to hate the Jews. They rejected the UN proposal, or any idea of a compromise, in 1947, then made war on May 15, 1948. Take it from there to its logical conclusions. I found two Muslim views which demonstrate the distinction between the overwhelming mainstream Arab Muslim culture, and getting free of that. Ministering to the Upwardly Mobile Muslim By SAMANTHA M. SHAPIRO Published: April 30, 2006 Early one gray Friday morning in late December, Mona K. left her parents' house in a residential neighborhood in Alexandria, Egypt, and headed downtown to Al Amirat, a wedding hall facing the Mediterranean Sea. She was going to see Amr Khaled, a Muslim TV preacher. Khaled's devotional programs are broadcast on Iqraa, a Saudi-owned religious satellite channel, and together with millions of other mostly young Muslims in the Middle East and Europe, Mona is a loyal viewer. Olaf Blecker for The New York Times Amr Khaled. Olaf Blecker for The New York Times Getting His Word Out: It wasn't until sales if Khaled's first tapes, sold by street vendors, hit 50,000 that an Egyptian TV network took notice. I traveled with Khaled in Egypt, England and Germany last winter, listening to him speak to large crowds and small groups. Many of his followers had stories much like Mona's. Her family, as she was growing up, was traditional — she prayed fairly regularly, and she always fasted during Ramadan — but not extremely religious. She had been listening to Khaled's sermons and watching him on television since a friend took her to one of his talks when she was a teenager. She was blown away. Khaled was different from any religious speaker she had ever heard. He wasn't an imam; in fact, he didn't have any official religious credentials at all. He was young, just 38, and like Mona he'd had a secular education. He had worked as an accountant for Cairo's most prestigious firm. On TV, he dressed in stylish European suits or jaunty sweaters and polo shirts — no long robes — and he spoke not in classical Arabic but the way she did, peppering his sermons with Egyptian slang. He told emotional stories about the Prophet Muhammad that often concluded with simple, satisfying morals and a list of practical lessons to apply in the week ahead. He used modern Western terms, saying that Islam "empowers" women and that the Prophet Muhammad was "the first manager" and held "press conferences." Unlike traditional Muslim religious leaders, Khaled didn't parse the finer points of Islamic law or get too deeply into political questions — he emphasized that he wasn't qualified to speak on either. He talked instead about how to be successful and happy and how to enjoy life while avoiding sin. On his TV show and in his frequent public appearances, he told his audiences how much Allah loved people, how merciful Allah was and how easy it was to earn his forgiveness. Khaled was tall and athletic and masculine, but he had a gentle demeanor, and when he prayed with his audience, he often broke down in tears. Khaled is especially popular among women, who are drawn in part by the fact that he addresses them directly in his sermons and emphasizes their central role in Islam — he has pointed out that the first convert to Islam and the first martyr to die in jihad were both women. He compares women's bodies to pearls, so precious that they require a thick shell of covering. He once told his followers that when the Prophet's wife Aisha had her menstrual period and was moody, Muhammad always made extra efforts to "display love and compassion." As she watched and listened to Khaled's sermons, Mona grew more excited about Islam. She began praying more often. She tried fasting on Mondays and Thursdays, which the Koran recommends. Once, Mona wrote a letter to Khaled asking for "Islamic guidance" concerning a personal problem. Khaled receives thousands of letters and phone calls a week from young people asking for his advice on everything from whom to marry to how to pray to what to do if they think they might be gay. "He replied back with the most tender words," Mona recalled when I met her. (She asked that I not use her full name.) "He sent a card, and it said, 'If you want to ask me anything else, consider me like your elder brother!' It wasn't copied and pasted — he really reads your letters and gives you his thoughts, and he is so tender and most adorable." When Mona arrived at Al Amirat that morning, a few bubbly young volunteers stood at the entrance with clipboards. One of them checked Mona's name off the list, and then Mona headed upstairs to a ballroom painted maroon and gold and hung with chandeliers. It was crowded; about 250 middle- and upper-class young professionals and university students were milling around. There was a stage at the far end of the room, where men in suits who looked to be management consultants were setting up projection screens for a PowerPoint presentation. None of the men in the room wore traditional beards, which Khaled says are optional — he himself has no beard at all, just a neatly trimmed mustache. All but one of the women in the room were wearing hijabs, or head scarves, which Khaled says is a requirement of Islam. Some women were fully covered by what amounted to burkas: in addition to robes and head scarves, they were wearing veils that cover the face and eyes, and gloves to cover their hands. Other women had negotiated a compromise between piety and fashion; they wore hijabs trimmed with pink lace around their faces, or they wore them with jeans or electric blue eye shadow. http://www.nytimes.com/2006/04/30/magazine/30televangelist.html?pagewanted=1&_r=0 My Life as an Egyptian Muslim Radical Dr. Tawfik Hamid reveals the indoctrination of Egyptian youth and the election of the extremist Muslim Brotherhood. by Rabbi Shraga Simmons Dr. Tawfik Hamid (pronounced taw-feek hameed) was born and bred in Egypt. While attending medical school in Cairo he joined the Muslim terror organization Gamaat Islamiya, where his colleagues included Ayman al-Zawahiri, the current leader of Al Qaeda. Using the powers of his intellect, Dr. Hamid was eventually able to pry himself away from the extremist indoctrination and embrace a far more moderate and tolerant version of Islam. Currently, Dr. Hamid is a Senior Fellow and Chair for the Study of Islamic Radicalism at the Potomac Institute for Policy Studies. His book, Inside Jihad: Understanding and Confronting Radical Islam, has been hailed as a manifesto on how to neutralize the threat of radical Islam. Dr. Hamid spoke with Aish.com this week from his home in Washington DC. In a wide-ranging and candid interview, he offers insights into the recent election of Mohamed Morsi as president of Egypt; the possibility of a nuclear Iran; and the key to revitalizing Islam as a “religion of peace.” Dr. Tawfik HamidAish.com: Let’s go back to the beginning. How did you – who grew up in a liberal household, the son of an orthopedic surgeon – become a member of a radical Islamic group? Dr. Hamid: I was a normal kid occupied with school and hobbies such as sports, stamp collecting, chess and music. Although my parents were secular, I had a desire to find God. I always believed that God and the world are aligned, but I never connected my heart to my mind. Then I took a biology class where I learned about the molecular structure of DNA. I felt that I’d discovered an expression of God in the world. This was the beginning of my spiritual journey. Unfortunately my zealousness for God led me to the darker side of Islam. Aish.com: You joined Gamaat Islamiya, a U.S.-designated terrorist organization dedicated to the violent imposition of Sharia law. How did that come about? Dr. Hamid: I was at medical school in Cairo. Studying anatomy and physiology increased my belief in God and made me more enthusiastic about Islam. The radicals were on the lookout for people like me. I was recruited and indoctrinated in three psychological stages: 1) hatred of non-Muslims and dissenting Muslims, and 2) suppression of my conscience. At that point I was open to accepting the third psychological stage: violence in the service of Allah without guilt. Aish.com: What specific goal did they have for you? Dr. Hamid: I met Ayman al-Zawahiri, now the leader of al-Qaeda, who was one of the top postgraduate students in the medical school. He dreamed of forcing the West to conform to a Taliban-style system where women are obligated to wear the hijab, are legally beaten by men to discipline them, and are stoned to death for extramarital sex. I was groomed to go to Afghanistan to join other young Muslims in training for jihad, to perform crimes in the name of God. My sponsors pledged to make all the logistical and financial arrangements. I was excited to go because my personal dream was to be an Islamic warrior, in accordance with the verse: “When you meet the unbelievers, smite their necks” (Koran 47:4). This seemed the easiest way to attain my purpose in life and to guarantee my salvation in the afterlife. http://www.aish.com/jw/me/My_Life_as_an_Egyptian_Muslim_Radical.html

Tuesday, March 24, 2015

Seed Banks in the US- SAve Agriculture from Big Business

My brother, his wife, and their kids were passing through recently, and I brought up Vandana Shiva briefly. I had read about her in Francis Moore Lappe and Anna's Hope's Edge. There are also a few sweet videos on line where VS's cutting intellect bursts forth. She hasn't won the Nobel Prize, or the Right Livelihood Award, for that matter, and maybe she doesn't need it. She is all about helping the grassroots organize there in India, as opposed to, say, the corporate executive driven farmer suicides there. I was wondering about the US. In taking a look at Via Campesina in the US I found something interesting, but nothing I recall about seed banks. Then I just found this on Alternet.... Environment Seed Libraries Are Sprouting Up Across the Planet, and Corporate Dominated Govts Are Trying to Stop Them Amid government crackdown, seed libraries expand biodiversity and food access. By Christopher D. Cook / Shareable March 17, 2015 Print COMMENT NOW! It’s easy to take seeds for granted. Tiny dry pods hidden in packets and sacks, they make a brief appearance as gardeners and farmers collect them for future planting then later drop them into soil. They are not “what’s for dinner,” yet without them there would be no dinner. Seeds are the forgotten heroes of food—and of life itself. Sharing these wellsprings of sustenance may sound innocuous enough, yet this increasingly popular exchange—and wider seed access—is up against a host of legal and economic obstacles. The players in this surreal saga, wherein the mere sharing of seeds is under attack, range from agriculture officials interpreting seed laws, to powerful corporations expanding their proprietary and market control. Seed libraries—a type of agricultural commons where gardeners and farmers can borrow and share seed varieties, enriching their biodiversity and nutrition—have sprouted up across the U.S. in recent years, as more Americans seek connection to food and the land. This new variety of seed sharing has blossomed from just a dozen libraries in 2010 to more than 300 today. The sharing of seeds “represents embedded knowledge that we’ve collected over 10,000 years,” says Jamie Harvie, executive director of the Institute for a Sustainable Future, based in Duluth, Minnesota. “Healthy resilient communities are characterized not by how we control other people, and more about valuing relationships.” As Harvie suggests, seed libraries offer a profound alternative to the corporate takeover of seeds, which has reached frightful proportions: according to the non-profit ETC Group, just three firms control more than half of the worldwide seed business (more than doubling their 22% share in 1996), while the top ten corporations now occupy 76 percent of the global market. Monsanto alone has 26 percent of the world’s seed market, with Du Pont and Syngenta not far behind. A 2013 report by ETC Group shows the startling scope of the industry’s market power, across the panorama of seeds, agrochemicals, and genetics: Four firms control 58.2% of seeds; 61.9% of agrochemicals; 24.3% of fertilizers; 53.4% of animal pharmaceuticals; and, in livestock genetics, 97% of poultry and two-thirds of swine and cattle research. Kristina Hubbard, communications director for the Organic Seed Alliance, sees a direct connection between corporate control and the seed-sharing movement. “I think community-based projects like seed libraries are at least in part a direct response to concerns people have about who controls our seed,” explains Hubbard. “It’s a necessary response, as seed industry consolidation continues and is increasing the vulnerability of our seed and food systems. We need more decision makers in the form of seed stewards, and more resiliency in our seed and food systems.” Seed Libraries Rising “Love the earth around you,” urges Betsy Goodman, a 27-year-old farmer in Western Iowa, where “most of the landscape is covered in uniform rows of corn and soybeans.” Working on an 11-acre organic farm that sprouts 140 varieties of tomatoes and 60 varieties of peppers, among other crops, Goodman has become something of a seed evangelist. In 2012, she launched the Common Soil Seed Library, just across the Missouri River in nearby Omaha, Nebraska—enabling area gardeners and farmers to borrow some 5,000 seed packets (112 different varieties) to date. “It didn’t make sense to me that no one was perpetuating the cycle of seed and life,” says Goodman. “People have this idea that you put a seed in the ground, harvest your food, and let it die.” Goodman says she is working to perpetuate life. “The basis of our whole food system comes from the seed,” she says. “I think people are not generally conscious of how grateful we should be for our food diversity and wealth.” Goodman sees the seed library as an essential reclaiming of farming traditions and local food security. “I want farmers to go back to saving seeds. It’s our responsibility to uphold our food system. It takes everybody.” But, she says, many farmers remain isolated and unaware of the seed-sharing movement. “The consciousness around this is not there yet. I haven’t really heard from farmers yet…The farmers buy their seed each year from Monsanto and Syngenta, this huge industrial system that’s very much in control of this state and surrounding states.” Farmers, she adds, “rely on these companies to buy their corn, they are very tied into these companies, and can’t even feed themselves off of the food they’re growing.” Motivated by similar concerns, the Wisconsin Seed Savers Alliance has helped germinate six seed libraries (with three more on the way this spring) across five counties in the state’s economically isolated northeast, along the shores of Lake Superior. “A lot of food grown here is shipped away,” says Alliance director Tessah Wickus. She explains that seed libraries are about “sharing the burden of growing food and making sure we all have something nutritious…We don’t have a whole lot of income sources, our schools are in the system for hot lunch programs, and we have a high poverty rate. One of the concerns here is food security and expanding local foods.” While small in scale, Wisconsin’s seed library alliance has tapped a well of interest among new farmers and old, says Wickus, who is 25. “Sharing seeds is part of helping the next generation of farmers…[T]his is an integral part of how to survive and sustain yourself, how to pass along knowledge from one generation to another. People have a hunger to know where their food comes from, something we’ve lost.” About 200 miles westward, on the White Earth Indian Reservation in northern Minnesota, a new seed library offers varieties of sunflower, bean, corn and other seeds to residents—many of whom are poor and seeking a reconnection to indigenous food and farming. Most of the money here “goes off the reservation,” says Zachary Paige, farm manager at the White Earth Land Recovery Project. “This is one way to get the economy back on the reservation, and save money for food, instead of buying seeds from catalogs,” he says, while also “closing that loop in producing food.” Paige (who is not Native American) helped start the White Earth Seed Library two years ago, and is working with local college and school garden projects to cultivate traditional seed varieties. He points to an indigenous tradition of growing and sharing food, and a revival of highly nutritious pre-Columbus crops, such as Bear Island Corn. Sharing seeds fits into a larger goal on the reservation of “trying to eat healthier and relieve diabetes.” Seed-Sharing Crackdown But all this seed-sharing love is butting up against some prodigious economic and regulatory challenges. As the libraries spread across the US, they are catching scrutiny from agriculture officials in states such as Pennsylvania, Minnesota, and Iowa, who express concerns about unlabeled seed packets, and the spreading of contaminated seeds and noxious or invasive species. One flashpoint in this battle is a small seed library in Mechanicsburg, Pennsylvania, which ran into a regulatory dispute with the state’s department of agriculture. Last June, the Pennsylvania Department of Agriculture informed an employee of the Joseph T. Simpson Public Library that its seed library ran afoul of state seed laws and would have to shut down or follow exorbitant testing and labeling rules intended for commercial seed enterprises. County Commissioner Barbara Cross raised the specter of terrorism, telling local media, “Agri-terrorism is a very, very real scenario,” she said. “Protecting and maintaining the food sources of America is an overwhelming challenge...so you’ve got agri-tourism on one side and agri-terrorism on the other.” The library was forced to limit its sharing, holding a special seed swapping event instead. As Mechanicsburg seed librarian Rebecca Swanger explained to media at the time, “We can only have current-year seeds, which means 2014, and they have to be store-purchased because those seeds have gone through purity and germination rate testing. People can't donate their own seeds because we can't test them as required by the Seed Act.” While the Sustainable Economies Law Center (SELC) insists that laws regulating large commercial seed companies do not apply to seed libraries, “other states are now considering adopting Pennsylvania’s seed protocol,” Shareable reported—potentially stopping the seed library movement in its tracks. But Pennsylvania and some other states “have misapplied the law entirely,” says Neil Thapar, staff attorney at SELC, which is spearheading a national seed library campaign called Save Seed Sharing. Pennsylvania’s Seed Act, he says, “does not actually authorize the state agriculture department to regulate noncommercial seed sharing through seed libraries.” Thapar argues that applying state seed laws to the libraries is “inappropriate because it violates the original spirit and intent of these laws. Seed laws were created solely as consumer protection laws to protect farmers from unscrupulous seed companies in the marketplace.” In contrast, seed sharing takes place outside of markets, as a “noncommercial activity in community.” Minnesota’s budding seed library movement has encountered similar resistance. Last September, the state’s department of agriculture (MDA) informed the Duluth Seed Library that it was in violation of state seed laws that prohibit transferring ownership of seeds without comprehensive testing. Harvie, who helped organize the library effort in Duluth, recalls the crackdown “really shocked people…it seemed like an egregious overreach.” Harvie says the Department of Agriculture enforcements nationally are galvanizing people to support seed libraries. “What people are asking is, who’s being hurt,” he says. “Nobody is being hurt. The only one anyone can imagine being hurt is the seed industry.” Was the seed industry behind the MDA’s actions? Harvie does not suspect a conspiracy, but he notes, “There had to be some pressure, the [MDA] has plenty of other things to do. Perhaps the MDA knew that by purposefully enforcing the law, it would draw out support for saving.” Minnesota’s Seed Program Advisory Group, which advises the MDA on state seed laws, meets three times a year and publishes no records of its meetings. Its members include major state commodity groups such as the Minnesota Corn Growers Association, Soybean Growers Association, and the Minnesota Crop Improvement Association. When the advisory group met last December, Harvie recalls, “I think the Department of Agriculture was excited for us to be at the meeting. It provided them with some community voice,” he says, “when too often it is only industry that can afford the time and expense of attending meetings. The lesson is, the community has to stand up and be present.” With nationwide challenges to seed libraries, activists worry about a chilling effect on this nascent and increasingly popular form of seed-sharing. In Omaha, Nebraska, the community “has responded really well and been very supportive” of Common Soil’s initiative, says Goodman. “We’re not being attacked, we are being supported,” she says, by gardeners and lawmakers interested in putting the libraries on more solid legal ground. But, she adds, “I was approached by others across Nebraska who wanted to open seed libraries, but they were afraid they would put all this work in and get shut down.” It remains unclear whether the seed industry has played any role in promoting the enforcement push, but this powerful agribusiness sector is vigilant about expanding its control over seeds. As first reported by MintPress News this January, the conservative American Legislative Exchange Council (ALEC) is peddling its “Pre-Emption of Local Agricultural Laws Act”—a law providing “exclusive regulatory power over agricultural seed, flower seed and vegetable seed and products of agriculture seed, flower seed and vegetable seed to the state.” Despite the conservative mantra of “local control,” ALEC’s measure would prohibit local governments from enacting or enforcing measures to “inhibit or prevent the production or use of agricultural seed, flower seed or vegetable seed or products.” Meanwhile, the American Seed Trade Association advocates for “Strong intellectual property protection,” to keep investment dollars flowing, and to “add value to agriculture and society through new products. Any state legislation that could undermine this simple principle is vigorously opposed.” Asked for its stance on seed libraries, the US Department of Agriculture (USDA) stated, “We have not received any formal complaints of mislabeled seed being distributed in interstate commerce through these programs (seed libraries).” The Federal Seed Act (FSA) governs “truthful labeling of agricultural and vegetable seed shipped in interstate commerce,” the agency said, adding, “It remains to be seen if any of the seed being obtained from these libraries will make it into interstate commerce.” Unless the seeds are shipped across state lines, or “determined to be a variety protected” under the federal Seed Act, the FSA “has no jurisdiction over this seed. Individual States will need to establish internal methods of dealing with labeling and possible mislabeling of the seed packets.” Saving the Libraries As state agriculture agencies consider whether to curtail seed libraries, legislative efforts are underway in Nebraska, Minnesota, and other states, to protect them. The Community Gardens Act [pdf] currently moving through the Nebraska legislature would exempt seed libraries from state laws governing seed labeling and testing. In December 2014, the city council of Duluth, Minnesota passed a resolution supporting seed sharing “without legal barriers of labeling fees and germination testing.” Perhaps more significantly, the Duluth resolution advocated reforming the Minnesota Seed Law to “support the sharing of seeds by individuals and through seed libraries,” by exempting these forms of sharing from the law’s labeling, testing, and permitting requirements. After one reform measure was withdrawn from the Minnesota legislature, activists are gearing up for another legislative push soon. In coming months, seed-sharing advocates can expect legislative battles across the US—some seeking to expand libraries’ sharing rights, and others limiting the exchange. Meanwhile, agribusiness continues to widen its economic and legal control over the world’s seed supply. “Seed sharing is an interactive and vibrant contrast to the extractive marketplace,” says Harvie. The battle over seed libraries and sharing represents “a clash of worldviews that just don’t reconcile.” Despite the challenges, Goodman remains buoyant about the seed library movement. “It’s natural for companies to try to get power over this, but it’s our responsibility to push back and establish our freedom,” she says. “We are losing huge chunks of our food system, and it’s our responsibility to reclaim it. We have to be the ones to do it.” Christopher D. Cook, an award-winning journalist and author, worked as communications director for the No on S campaign in Berkeley. His work has appeared in Harper’s, The Economist, the Los Angeles Times and elsewhere. His website is www.christopherdcook.com.

Thursday, March 19, 2015

Hogfarm Waste and Biogas Generators Anyone?

Besides the fact that Wind Power, solar, and small hydro are some exciting RE technologies, there is the question of intermittency, you know, variability. Biogas generation can solve that. Moreover, I was reading about Hog Farm Waste again recently, huge pools of stopped up animal manure in toxic pools, just because they are left sitting there. It should be no problem, not least of which is the same solution as for intermittency, biogas. I was reading about one company, Midwest Biogas, from 2009. Alas, nothing since then, so the prize goes to Avant Energy. Europeans, especially the Germans, have been doing it for more than 30 years, I'm happy to say. The US has been big on cell phones, iPads, and tablets, all toxic and slave-labor made. A few years ago, Greenfreeze ozone-safe refrigeration technology was finally had bans lifted. Now there's biogas. That is some of the scope of the US's insanity, but Corporate Executive imperialism and oligarchy have only severely slowed Climate Change ecological response. Slowly, some good news has appeared. -------- The Legacy of Slavery: What Inequality and Industrial Hog Operations Have in Common By Laura Orlando The location of North Carolina's industrial hog operations in 2014 overlaid on the density of North Carolina's enslaved people in the 1860s. Steve Wing American agriculture is not one story, but many. Millions of animals living in confined spaces as part of large scale, market-directed production—industrial agribusiness—is one of the more horrific ones. For people that live near industrial hog operations, where hundreds or thousands of hogs are raised in a confined space, with open pits of urine and feces and regular disposal these wastes near their homes, it becomes a story about health and quality of life. Steve Wing, an epidemiologist at the University of North Carolina at Chapel Hill shows that it’s also about environmental injustice. Research by Wing and Jill Johnston, a UNC postdoctoral scholar, documents that most of the 9.6 million hogs in North Carolina live in concentrated animal feeding operations (CAFOs) in the eastern part of the state where they disproportionately impact African Americans, Hispanics and Native Americans. Their 2014 study found that the swine CAFOs—also known as industrial hog operations (IHOs)—permitted by the North Carolina Division of Water Quality are located in counties with high non-white populations. Duplin County, on the southeastern coastal plain, is home to 2.35 million hogs distributed among 530 hog operations. In Duplin, 43 percent of the population is non-white. One of the poorest counties in North Carolina, Duplin has a poverty rate of 23.6 percent. Wing and Johnston do not focus directly on issues of wealth and poverty in their study, but they observe that IHOs are “relatively absent from low-poverty White communities.” After all, no industrial hog operation is located next to North Carolina’s Executive Mansion. Over the past two decades, the number of U.S. hog farms declined by more than 70 percent while hog production rose by more than 30 percent, according to the U.S. Department of Agriculture. In 2007, 97 percent of hogs were raised in places with over 500 animals. Three-quarters of hogs sold for market are from “specialized operations” with corporate production contracts that buy 30 to 80 pound pigs from other “specialized operations” and finish them to 240 to 270 pounds, slaughter weight. The people that manage these operations are not called farmers: they are “contract growers.” Like other U.S. corporate agribusinesses, industrial hog operations are heavily supported by state and national policies. Larger operations are more profitable than smaller ones because the pigs are treated as commodities, their feed is mechanized, and the cost of environmental and public health damage is not considered in the balance sheet. The human and environmental costs Water and air pollution from the confinement of thousands of swine endanger the health of people living nearby. Industrial hog operations pollute the air with a complex mixture of particulates (e.g., fecal matter and endotoxins), vapors and gases (e.g., ammonia and hydrogen sulfide)—all of which have negative health effects. Add odor from feces, not only a nuisance but also the cause of health problems, and you get sick people. Wing and colleagues have recorded stress, anxiety, mucous membrane irritation, respiratory conditions, reduced lung function and acute blood pressure elevation.... (read the rest at the main article....) ----------- Here is a fine, recent overview, with a confirmation of the Hometown plant as the first successful electrical generating plant in the US....apparently, the efforts by Midwest Biogas did not go through somehow.... original article Market improving for waste-to-energy projects in Minnesota Posted on 09/16/2014 by Frank Jossi The Hometown Bioenergy plant near Le Sueur, Minnesota, can produce up to 8 MW of electricity. (Photo ©Le Sueur News-Herald, used with permission) With the help of some aggressive bugs that thrive on a diet of waste and manure, the $45 million Hometown Bioenergy plant in Le Sueur, Minnesota has reached 60 percent capacity since opening in December of 2013. “It’s a biological process, it’s not like you can flip the switch,” said Kelsey Dillon, the vice president of bioenergy for Avant Energy Inc., which manages the plant. “There’s definitely an art to getting the bugs acclimated and getting them tuned up to digest this material at higher and higher strengths, if you will, we’re still in that ramp-up period, but it’s going well.” The anaerobic digester, capable of producing 8 megawatts of electricity, is one of the largest facilities of its kind in the country. It sits on a 35 acre site and draws customers from a 60 mile radius, including sweet corn canning operators and other vegetable processors, who bring their waste and pay tipping fees to have Hometown take care of it, she said. A subsidiary of the 12-member Minnesota Municipal Power Agency, Hometown is one of a growing number of industrial scale digesters either under construction and in the planning stages in Minnesota and around the country. The Port Authority of St. Paul, for example, has made investments in nine large-scale anaerobic digester projects in St. Paul, South St. Paul, Chaska, East Grand Forks, Austin and Becker. They range in size from $10 million to $35 million, said Peter Klein, the Port Authority’s vice president of finance. The Central Region office of Natural Systems Utilities LLC will soon announce two industrial-scale anaerobic digester projects in the Midwest valued at between $14 million and $40 million, one that will be located in Minnesota, said Ryan Brandt, executive vice president. “We’re starting to see the market shift to favoring projects in the $10 million to $50 million range, while the projects $10 million and less are harder to raise capital for,” he said. Several trends are making for a more attractive market for digesters, among them a desire to reduce the level of waste going to landfills, to produce more renewable energy and to create value out of agricultural waste, he said. Minnesota’s food industry needs disposal options and anaerobic digesters provide an answer, said Brandt. What differentiates these new projects from the kind of farm-based digesters that employ manure to produce methane is that the larger operations rely on food and agricultural waste, he said. In some cases the digesters will be located near food and beverage manufacturers that have a steady of waste available for disposal. “Europe has had this for decades but now we’re just catching wind and seeing how waste is being redefined for us,” Brandt said. “We’re seeing a market shift to ban organics from coming into landfills, which offers opportunities for anaerobic digesters to handle that waste.” The Minnesota Project in a major study on farm digesters reported that the United States has 126 anaerobic operations producing electricity. Hometown Bioenergy is one of the first, if not the first, to produce electricity from waste in Minnesota. In some cases biogas is being used to replace natural gas, too. The Metropolitan Council Environmental Services added a solids processing facility at Blue Lake Wastewater Treatment Plant in Shakopee that opened in 2012. By being able to replace as much as 80 percent of the plant’s natural gas needs with methane biogas the Met Council saw a savings of $500,000 annually. The biogas facility also fuels hot water boilers and provides other advantages that reduce the need for natural gas purchases. Other market drivers Additional factors fueling biodigester growth include regulations, tax credits, a push by the White House, and aggressive marketing by three German companies which see a rich American market, said Paul Greene, director of the American Biogas Council. The federal government in August issued a new “biogas roadmap,” he said, that calls for creation of 11,000 more digesters, up from the 2,116 that exist today. By reaching that total the nation could see enough methane to power three million homes and fuel 2.5 million vehicles. Digesters are taking off because “it’s a good greenhouse gas story, a good renewable energy story, a good nutrient management story a good green energy story, so that has all helped,” he said. Several Northeast states have implemented new regulations banning food waste from landfill sites, Greene said, with Massachusetts’ new law starting in October. New York City businesses that produce more than one ton of food waste a week must divert that to something other than a landfill, he said. Larger producers, such as hotels, can no longer send their food waste to landfill sites, leaving a potential for entrepreneurs to come in with an anaerobic digester solution. Agencies in the Northeast, he added, are offering financial encouragement for developers. Anheuser-Busch, for example, uses a “beneficial energy recycling system” that takes brewery waste and makes methane gas that is reused in plants for heating, he said. The St. Paul Port Authority has invested $1.3 million in digesters that began when the RockTenn paper recycling plant was threatened with closure, said Klein. Although he points out that RockTenn will not use the biogas from digesters directly, the Port Authority will receive carbon credits while “producing an economic benefit” to those communities. For now, however, the investments have yielded only one completed project, Klein said. Full Circle Organics in Becker has been operating since June and collected several thousand tons of organic material, according to an article in the St. Cloud Times. The carbon credit market may be struggling, but the Port Authority believes it will rebound, he said. In the meantime, food processors would benefit by having anaerobic digesters and be more competitive by having to pay less for their energy, he said. “The country has to look at what Europe is doing,” he said. “There is a value to it if you can separate waste out — you can produce energy from it. If you just put it in a landfill it will create methane, anyway, which is a harmful greenhouse gas. The landfill companies have these collection systems but they don’t really collect all the gas.” The Port Authority has offered a proposal to the state to create a state-sponsored fund to promote $80 million in investment in five large scale anaerobic digesters at wastewater treatment facilities. Although it has yet to pass the legislature, Klein said the effort will continue. ------------ Midwest Biogas to use ethanol byproducts, animal waste By Anna Austin Minnesota-based Midwest Biogas LLC is greeting the new year with plans to construct a biogas plant in northern Iowa, a project that will mark the company's renewable energy debut. appears not to have been completed ..... (read the rest at the main article site) (see also below, Mid-size Dairy Farms) ---------- Biogas comes of age As biogas becomes big business, it’s creating new opportunities for all involved in managing food waste. Iyad Omari from London-based cleantech investor, Frog Capital, and Peter Stepany, Chief Technology Officer of German biogas specialists, agri.capital, set out the choices facing biogas companies and the challenges that need to be met. by Iyad Omari & Peter Stepany A unique source of renewable energy Despite the recent UN Climate Change Conference in Copenhagen showing how hard it is to build an international consensus, the worldwide drive to find clean, renewable energy sources remains undimmed. This isn’t simply an issue of global warming. Many countries are also keen to cut their reliance on fossil fuels due to concerns over security of supply. Germany has been a beacon of sustainable energy practice in Europe for 20 years, with a strong regulatory framework to encourage clean energy production. agri.capital is one of the success stories to emerge from Germany’s green wave. Since 2004 it has set up around 50 plants across Germany, Austria and Italy to generate biogas – gas extracted from organic matter including organic waste. The company is the largest biogas producer in Europe and the huge demand for clean energy looks set to underpin its rapid growth for years to come. To date agri.capital’s model has relied on the use of purpose-grown crops as fuel. But as the biogas sector becomes big business, it is creating a wealth of opportunities for profitable partnerships with those who manage an alternative fuel – food waste. To understand these opportunities, it helps to get a taste of biogas production and the complex choices it offers. The recent investment in agri.capital by London-based cleantech specialist, Frog Capital, was driven by a belief that biogas has unique advantages. It uses well-proven technology and combines strong green credentials (e.g. its ability to recover energy from biodegradable waste, thus diverting it from landfill) with reliability and ease of storage. These are characteristics that other renewable energies such as solar, wind and wave power find it hard to match. A technology whose time has come For many, Germany is the model to follow when it comes to biogas. The German Renewable Energy Act (known as EEG) gives biogas producers a lot of comfort. Producers who burn biogas to generate electricity for the grid earn a tariff that’s guaranteed for 20 years from the plant’s inception. This certainty helps producers obtain the 10-year finance that plants need and supports long-term contracts with feedstock suppliers. Although most of Germany’s biogas producers currently convert it to electricity, they also have the option of pumping a purified version of the gas directly into the national network. The tariffs for this aren’t guaranteed but they’re not entirely free-moving either; so much gas is ultimately burnt to generate electricity that its price tends to move in line with electricity prices, creating a level of predictability that facilitates long-term gas supply contracts. Deciding how to use biogas from AD Several factors have to be weighed up when deciding how to use the biogas. Injecting gas into the grid demands complex processes for scrubbing it. On the other hand, burning it to create electricity involves running an engine and finding a customer for the excess heat emitted by the process; without a customer for the heat, a lot of the primary energy value is wasted. So far most sites established by agri.capital burn gas to create electricity because they’ve been able to identify local clients for heat, e.g. commercial businesses that operate drying processes. But the number of customers for year-round heat is limited and many are already satisfied. Increasingly, therefore, new plants will inject gas into the mains. Getting the right mix of inputs A fundamental decision for a biogas producer is which feedstock to use. Put simply, this comes down to a choice between purpose-grown food crops (biomass) and organic waste generated by households and businesses such as food waste. For a biogas operator running many plants, an ‘ideal’ feedstock has three characteristics: homogenous – the content is consistent and produces stable outputs and that doesn’t upset the bacteria used high energy density – many cubic metres of biogas are produced per tonne of feedstock no pollutants – it does not contain unwanted elements that will be difficult and costly to dispose of at the end of the process. Under the German framework, each plant needs to specify upfront the broad category of feedstock that it is going to use (e.g. food waste or biomass). agri.capital typically uses feedstock that is roughly 70 % biomass and 30 % animal manure. The crops have high gas yields of around 200 m³ per tonne. The manure’s gas yield is only a tenth of this level, but it contributes useful minerals and makes the overall mix malleable. The feedstock mix also enables it to agree long-term contracts with farmers for the supply of crops and manure, which provides much-needed certainty for everyone.....(go to main article site -------- Energy: Biogas / Methane Digesters New Digester Opportunities — Studying Digester Feasibility for Mid-Sized Dairy Farms Anaerobic digestion technology holds many benefits for Minnesota farms. It has the potential to reduce environmental problems associated with animal agriculture and provide economic benefits to farms and rural communities. It can reduce odor, pathogens, greenhouse gas emissions, costs for bedding by utilizing recycled solids and adds value by producing renewable energy which provides distribution generation of electricity. However, most of the commercially developed anaerobic digester technology has been proven to be most economically feasible on dairy farms that have 300 or more cows. But according to the 2002 Census of Agriculture, 96% of Minnesota's dairy farms have 200 cows or less. This brings into question if there is a possibility that 96% of Minnesota's dairy farms can receive the same economic and environmental benefits from anaerobic digester technology that larger farms can? Through funding provided by AgStar Fund for Rural America, the Minnesota Project was able to contract with Philip Goodrich to complete a preliminary report assessing existing digester systems appropriate for small to mid dairy farm size. Mr. Goodrich has over 30 years of experience in the field of anaerobic digester systems. The report he prepared contains information about six digester models that could be applied for use on small to mid-sized dairy farms. Each model contains information dealing with the schematics of the system, an explanation of how the system functions, environmental benefits, and lessons learned from other similar digesters. Capital costs for the installation of the digesters and yearly costs are presented. (Find more at the original article site) -------- Then there is Peter TAglia, who seems to have made a nice bit of work in Wisconsin a few years back now for the American Biogas Council -------- More information on Midwest Biogas from 2009.. Biogas plant coming to Welcome 0 Posted: Tuesday, September 1, 2009 9:06 pm | Updated: 1:04 am, Tue Sep 2, 2014. By Brian Ojanpa The tiny town of Welcome is hoping to reap big benefits from barnyard manure. Gaylord-based bioenergy development company Midwest Biogas plans to build a plant near the 700-resident community that turns hog and chicken waste into energy for electricity and natural gas. Midwest Biogas President Nick Nelson said the bioenergy park would be the first of several the company plans to build throughout the upper Midwest. “We need to crawl before we can walk,” Nelson said of the start-up venture that would be the first plant of its type in Minnesota. .... Midwest Biogas will use Schmack BioEnergy as its anaerobic digestion technology supplier and is working to secure U.S. Department of Agriculture loan guarantees for the projects. original article

Wednesday, February 18, 2015

New US Co-op Film / Venezuelan Coup Attempt /German-Canada RE coops

Nice to hear that there's a new film out on co-ops, the member-ownership model of enterprise. Michael Moore's Capitalism is a landmark for its visibility and inclusion of co-ops, there was The Take by the well-known Naomi Klein, and even one on Mondragon from 1982, and others. Denmark, Germany, Emiglia Romana Italy, and Mondragon Spain are inspiring jurisdictions with lots of social democratic participation and economic democracy, as well as US credit unions and food co-ops, and co-ops and Fair Trade arrangements everywhere. “What is Inexcusable is Venezuela's Political Independence” What Does It Take to Start a Worker Co-Op? A Practical Video Guide to Democratizing Our Economy A new film asks whether practicing workplace democracy would be easier if our media gave us as many visions of collaboration as they do of competition? Laura Flanders posted Feb 10, 2015 As Sarah van Gelder pointed out recently, 2014 research by the Pew Center found that 78 percent of Americans believe that too much power is concentrated in the hands of a few huge companies. More than half—62 percent—believe our current economic system is rigged in favor of those with the most power. That belief, backed by the reality of gaping inequality and downward pressure on most Americans’ wealth and wages has led many people to look for ways, not only to ameliorate the pain and pressures of business-as-usual, but to find new ways of doing business. Worker-owned cooperatives, where workers are offered a share in the company and a say in decision-making, are one way to make the workplace more democratic. The most successful cooperatives have a good record of reducing inequality and building local assets, but co-ops aren’t easy, and they aren’t for everybody. A year ago, GRITtv and TESA the Toolbox for Education and Social Action teamed up to look more closely at what it takes for a worker-owned cooperative to get started, and to succeed. The result is Own the Change: Building Economic Democracy One Worker Co-op at a Time. Would practicing workplace democracy and working together be easier if our media and our education system gave us as many visions of collaboration as they do of competition? What if we were encouraged to participate in our communities as much as we are pushed to purchase stuff? If we measured prosperity not by how high we could pile up resources, but how widely we could spread them out, would our heroes, not to mention our economy look different? We believe so. Own the Change: Building Economic Democracy One Worker Co-op at a Time is one contribution to a broader vision. Read the rest at yesmagazine.org Some kind of coup attempt recently. It seems to me the government needs to start broadening the participation of ownership in the wealth of the economic elite there in Venezuela. By John Pilger- TeleSUR English, February 17th 2015 Tags 2015 Opposition sovereignty U.S. sanctions An interview with John Pilger, conducted by Michael Albert. Why would the U.S. want Venezuela's government overthrown? There are straightforward principles and dynamics at work here. Washington wants to get rid of the Venezuelan government because it is independent of U.S. designs for the region and because Venezuela has the greatest proven oil reserves in the world and uses its oil revenue to improve the quality of ordinary lives. Venezuela remains a source of inspiration for social reform in a continent ravaged by an historically rapacious U.S. An Oxfam report once famously described the Sandinista revolution in Nicaragua as 'the threat of a good example'. That has been true in Venezuela since Hugo Chavez won his first election. The 'threat' of Venezuela is greater, of course, because it is not tiny and weak; it is rich and influential and regarded as such by China. The remarkable change in fortunes for millions of people in Latin America is at the heart of U.S. hostility. The U.S. has been the undeclared enemy of social progress in Latin America for two centuries. It doesn't matter who has been in the White House: Barack Obama or Teddy Roosevelt; the U.S. will not tolerate countries with governments and cultures that put the needs of their own people first and refuse to promote or succumb to U.S. demands and pressures. A reformist social democracy with a capitalist base - such as Venezuela - is not excused by the rulers of the world. What is inexcusable is Venezuela's political independence; only complete deference is acceptable. The 'survival' of Chavista Venezuela is a testament to the support of ordinary Venezuelans for their elected government - that was clear to me when I was last there. Venezuela's weakness is that the political 'opposition' -- those I would call the 'East Caracas Mob' - represent powerful interests who have been allowed to retain critical economic power. Only when that power is diminished will Venezuela shake off the constant menace of foreign-backed, often criminal subversion. No society should have to deal with that, year in, year out.... read the rest at venezuelanalysis.com I looked for something on German Renewable Energy Co-ops, and found this German representative's visit to Ottawa in 2014... Tour: Learning from German Co-op Sector OREC has been very fortunate to have Dr Andreas Wieg, German Renewable Energy Co-op expert, join us for a whirlwind tour of Ontario. During his week here he has inspired audiences from Parliament Hill to Carleton University, from Ecology Ottawa to Queens Park. In case you missed seeing him present, you can find his presentation slides about the German renewable energy co-op transition here: Wieg in Canada 2014_2-2 more at http://www.ottawarenewableenergycoop.com/tour-learning-from-german-co-op-sector/

Tuesday, December 23, 2014

News- il Coordinamento AGCI e piu

Costituito a Roma il Coordinamento AGCI Giovani Si è costituito a Roma, presso la sede nazionale dell’Associazione Generale delle Cooperative Italiane, il Coordinamento AGCI Giovani, che riunisce i rappresentanti under 40 delle strutture territoriali e delle imprese aderenti. Dopo l’apertura dei lavori da parte del delegato della Presidenza Nazionale, Carlo Scarzanella, è intervenuto il Presidente Rosario Altieri, che ha tracciato il quadro all’interno del quale AGCI Giovani sarà chiamata ad operare per la promozione della cultura cooperativa e la diffusione del modello mutualistico: un quadro caratterizzato certamente da evidenti criticità legate soprattutto al perdurare della crisi, ma anche da molteplici opportunità connesse, tra l’altro, alla capacità della Cooperazione di innescare processi virtuosi di sviluppo delle comunità locali e di valorizzazione del capitale umano, di assicurare un significativo contributo in termini di produzione di ricchezza e di mantenimento dei livelli occupazionali, nonché di sperimentare strade nuove e ricche di prospettive degne di attenzione quali, ad esempio, le cooperative tra professionisti. Numerosi ed interessanti sono stati gli interventi da parte dei presenti, che hanno riferito le proprie esperienze e sottolineato, in particolare, le difficoltà degli imprenditori, anche cooperativi, di sopravvivere nell’attuale contesto e la necessità, spesso, di guardare oltre confine per trovare quegli spazi che il mercato interno non offre più. AGCI Giovani nasce, quindi, come organismo aperto e, per ciò stesso, provvisorio, il cui lavoro, affidato al coordinamento di Antonella Cappadona, potrà condurre entro la primavera 2015 alla determinazione della sua compagine definitiva. COMUNICATO STAMPA:Alleanza Cooperative Italiane Mafia Roma «Se una Spa corrompe il sistema è salvo. se lo fa una cooperativa il sistema è marcio. Punire i singoli, non colpevolizzare settore» «Quando una Spa o una Srl compiono attività illegali che vanno dalla corruzione all’essere contenitore per attività economiche della criminalità non si mette in discussione l’impresa lucrativa o di capitali. Ed è giusto, perché la responsabilità è dell’imprenditore o dell’impresa che opera in modo illegale o criminale. Se capita con le cooperative, invece il sistema è marcio. No, noi non ci stiamo». Lo dicono Mauro Lusetti, Maurizio Gardini e Rosario Altieri, presidente e copresidenti dell’Alleanza delle Cooperative Italiane in risposta a Susanna Camusso segretario generale della Cgil. «È il sistema Italia che non funziona. Se l’Italia è il paese più corrotto d’Europa non sarà per colpa delle cooperative e delle imprese in generale che concorrono sul mercato corrompendo la PA. Le misure e gli strumenti per intervenire e combattere la corruzione ci sono. Siamo i primi a incoraggiare magistratura e forze dell’ordine a ripristinare la legalità. Chi concorre falsando le regole va fermato chiunque sia, ma non possiamo accettare che un sistema economico, quello cooperativo, che rappresenta l’8% del Pil e da lavoro a 1,3 milioni di persone venga bollato come malato e corrotto». «Riguardo alla cooperazione falsa, spuria e illegale ricordo che Governo, Centrali Cooperative e Sindacati, Cgil compresa, hanno siglato l’Avviso comune che ha portato alla nascita di 100 osservatori provinciali, strumento avanzato nella lotta alla cooperazione illegale. Le leggi ci sono vanno applicate, non è la moltiplicazione delle leggi che risolve i problemi, ma la sua attuazione». L’Avviso 25 di Fon.Coop – Tre milioni di euro per piani formativi settoriali e pluriregionali Fon.Coop, il Fondo interprofessionale delle imprese cooperative e dell’economia sociale torna a finanziare i piani settoriali. Lo scorso 28 novembre è stato pubblicato l’Avviso 25 settoriale con una dotazione di 3 milioni di euro, suddivisi in 12 settori d’attività che identificano le caratteristiche economiche delle associate al Fondo. Formarsi insieme per formare in grande, è questo l’obiettivo dell’Avviso 25: aggregando infatti la domanda formativa di più imprese di uno stesso settore o filiera economica il Fondo promuove una formazione integrata che sviluppa e valorizza le competenze necessarie per il rilancio delle cooperative in sintonia al proprio settore di appartenenza. Caratteristica dell’Avviso è anche favorire la pluralità territoriale: ogni piano deve infatti prevedere la presenza di imprese appartenenti ad almeno 4 regioni diverse, di cui una deve essere necessariamente del sud, e questo per stimolare un dialogo ed una collaborazione che includa territori più svantaggiati. La modalità con cui deve essere presentato l’accordo di concertazione sottolinea l’impegno ed il ruolo giocato in questo Avviso dalle Parti Sociali costituenti il Fondo. L’accordo sindacale può essere solo di livello nazionale e, se sottoscritto dagli organismi nazionali di settore di tutte le associazioni cooperative e da tutte le corrispondenti organizzazioni sindacali nazionali, il piano viene considerato strategico. L’Avviso 25 settoriale è il primo Avviso che utilizza il Nuovo Sistema informativo del Fondo, GIFCOOP. Le imprese e gli Enti di Formazione per partecipare all’Avviso dovranno preventivamente registrarsi a GIFCOOP. Tutte le informazioni sull’Avviso e sulla modalità di registrazione a GIFCOOP sono disponibili sul Sito. Il testo dell’Avviso è su www.foncoop.coop. Unlocking the potential of the social economy for EU growth A Roma, il 17 e 18 novembre 2014, presso l’Auditorium del Massimo, più di 170 relatori provenienti da 25 Paesi hanno discusso sul ruolo della Social economy in occasione della Conferenza promossa dal Ministero del Lavoro nell’ambito della Presidenza Italiana del Consiglio dell’Unione Europea. “Liberare il potenziale dell’economia sociale per la crescita in Europa”: questo lo slogan della manifestazione ed il tema di cui si è dibattuto nelle sessioni plenarie e nei dieci gruppi di lavoro tematici che hanno approfondito aspetti specifici quali le politiche di supporto a livello nazionale e comunitario, il rapporto con il settore pubblico e gli strumenti finanziari possibili. Le conclusioni dei lavori sono sintetizzate nel documento finale “La strategia di Roma”, da cui emerge innanzitutto la necessità di una visione d’insieme che consenta di mettere a frutto tutte le potenzialità di questo settore, insieme alla richiesta di un adeguato sostegno e di una efficace azione di promozione da parte della Commissione UE per far sì che esso possa davvero rappresentare un primario fattore di sviluppo per l’Europa. Alla due giorni ha partecipato la coordinatrice del settore AGCI Solidarietà, Giuseppina Colosimo, la quale è intervenuta al working group dedicato al tema “Economia sociale ed occupazione”, esponendo le riflessioni di seguito riportate. Nel nostro Paese, l’esclusione prolungata e in taluni casi permanente dal mondo del lavoro, continua ad essere un fenomeno rilevante, che colpisce in particolar modo alcune fasce di popolazione. L’esclusione dal mercato del lavoro porta con sé fenomeni sociali preoccupanti, quali la persistenza di ampie fasce di povertà e la riduzione del potere di acquisto delle famiglie; altri effetti riguardano problemi sociali, familiari e di salute connessi a tale esclusione. L’inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati è, in un certo senso, un “bene comune” che produce “esternalità positive” a favore delle comunità locali in termini di aumento della sicurezza e della coesione sociale, di qualità della vita e, non da ultimo, di risparmio di risorse pubbliche investite in servizi di cura e di contenimento che ne fanno uno dei migliori esempi di politiche attive del lavoro e di “welfare dello sviluppo”; va infatti evidenziata l’ampiezza e la dinamicità delle azioni della cooperazione sociale a sostegno dell’inserimento al lavoro. La cooperazione sociale è stata in questi anni in grado di inserire entro un ciclo produttivo competitivo i lavoratori svantaggiati (oltre 35 mila) che le altre imprese non riescono ad integrare, si è dimostrata attenta a fasce marginali del mercato del lavoro quali giovani, donne con carichi familiari e lavoratori anziani, ha operato con successo il collocamento di lavoratori deboli presso imprese ordinarie, si è affermata come protagonista dello sviluppo locale. Emerge con chiarezza che la cooperazione sociale per l’inserimento lavorativo non si riduca alla cooperazione sociale di inserimento lavorativo: a partire dall’esperienza sempre rilevantissima delle cooperative sociali di tipo B, la cooperazione sociale ha infatti, nel corso degli anni, costruito una molteplicità di strumenti per rispondere ad un insieme articolato di esigenze. La cooperazione sociale è in grado di offrire un contributo importante per superare l’esclusione dal mercato del lavoro: sta sul mercato valorizzando i lavoratori che altre imprese non riescono ad inserire nel ciclo produttivo, rende persone escluse dal mercato del lavoro inseribili in contesti ordinari, porta esempi di successo come soggetto promotore di iniziative di sviluppo locale. La cooperazione sociale dimostra come sia possibile fare impresa, vera impresa, competendo sul mercato, investendo, crescendo e incrementando l’occupazione, con il coinvolgimento nel processo produttivo di lavoratori che le altre imprese tendono ad escludere. Da oltre quarant’anni il nostro Paese si è dotato di misure tese a favorire l’occupazione di persone che rischiano di rimanere escluse dal mercato del lavoro. Le normative che tutelano il diritto al lavoro delle persone con disabilità rappresentano un concreto esempio di tutela del diritto al lavoro riconosciuto dalla Costituzione e hanno precorso una concezione culturale importante, in cui la cooperazione sociale si riconosce, tesa a responsabilizzare le imprese e la società circa l’integrazione sociale e lavorativa di tutti i suoi membri. L’esperienza delle cooperative di tipo B è da oltre trent’anni al centro dell’attenzione nel nostro Paese e nel contesto europeo. Oltre 35 mila persone svantaggiate oggi hanno occupazione, reddito e piena partecipazione alla cittadinanza grazie alle cooperative sociali: persone con disabilità, con problematiche di salute mentale, persone che escono da percorsi di dipendenza o dal carcere. Le categorie di svantaggio riconosciute dalla legge 381 del 1991 rappresentano solo una quota dei cittadini a rischio di esclusione dal mercato del lavoro che trovano opportunità di impiego nelle cooperative sociali. Molti altri lavoratori delle cooperative sociali sono caratterizzati da bassa qualificazione, età avanzata, presenza di carichi familiari difficilmente conciliabili con il lavoro, situazioni problematiche personali e familiari che ne determinano la presa in carico da parte dei servizi sociali, provenienza da paesi esterni alla Comunità Europea etc. Lavoratori quindi che, senza questa opportunità, rischierebbero un’esclusione permanente dal mercato del lavoro. Le cooperative sociali hanno conseguito questi risultati grazie all’adozione di soluzioni organizzative che hanno permesso l’abbassamento della soglia di ingresso nel mercato del lavoro, tale da consentire l’accesso al processo produttivo – reale, non simulato – anche a persone che normalmente ne sono escluse; l’inclusione nella produzione, all’interno di un contesto che prevede specifiche azioni volte a favorire la crescita e la professionalizzazione delle persone inserite, ha rappresentato un’innovazione sociale in grado di assicurare contemporaneamente reddito, autonomia, aumento delle capacità, integrazione sociale. Oggi bisogna essere in grado di svilupparsi in un contesto sempre più competitivo. La strategia di crescita va impostata tenendo conto della necessità di mettere in campo professionalità, reputazione, investimenti; e questo richiede alle cooperative di ragionare su consolidamento, inserimento in reti consortili, talvolta fusioni con altre cooperative. Insomma, strategie finalizzate al rafforzamento imprenditoriale. Le cooperative sociali di inserimento lavorativo hanno dato prova di competere ad armi pari con le altre imprese. La quota di commesse di lavoro derivanti da affidamento diretto da parte delle pubbliche amministrazioni è limitata, mentre la maggioranza del valore della produzione deriva da commesse conseguite sul mercato in concorrenza con altri soggetti, cooperativi e non. In questi anni è emerso come, accanto alla presenza significativa in alcuni mercati a rischio di saturazione e ad elevata concorrenzialità “al ribasso” (pulizie, manutenzione del verde, ecc.), le cooperative sociali si siano affermate con successo in un ampio ventaglio di attività – ad esempio attività informatiche e di elaborazione dati, impiantistica, turismo, agricoltura biologica, produzione di impianti per energie rinnovabili, attività artigianali e industriali, attività editoriali - alcune delle quali caratterizzate da una significativa propensione all’innovazione di prodotto e ad attrarre tecnologie e professionalità elevate, riuscendo tra l’altro a individuare soluzioni organizzative per includere in tali processi produttivi le persone in condizione di svantaggio. Sommet International des Coopératives - Québec 2014 Cooperative’s power of innovation Dal 6 al 9 ottobre scorsi si è tenuta in Canada la seconda edizione del Summit Internazionale delle Cooperative, l’assemblea biennale in occasione della quale i dirigenti delle imprese mutualistiche provenienti da tutti i Paesi del mondo si riuniscono per discutere della situazione presente e delle sfide future che ci attendono. Quest’anno la manifestazione è stata incentrata sul tema della capacità di innovazione delle cooperative con riferimento ai seguenti argomenti strategici: crescita e sviluppo della Cooperazione, finanza e capitalizzazione, sicurezza alimentare, servizi socio-sanitari ed occupazione. Ne hanno dibattuto circa 200 esperti di fronte ad una platea che complessivamente, nella quattro-giorni, ha superato i 3.000 partecipanti e ha registrato la presenza di ben 93 Stati. Per l’Italia, hanno partecipato, tra gli altri, all’evento il Presidente AGCI e Co-presidente dell’Alleanza delle Cooperative Italiane, Rosario Altieri, insieme a Carlo Scarzanella, componente il Board dell’International Co-operative Alliance in rappresentanza dell’ACI. Nell’occasione, si è svolta anche una riunione dello stesso Board finalizzata a fare il punto sullo stato di avanzamento del Blueprint, il Piano del decennio per le cooperative lanciato nel novembre 2013 durante l’Assemblea mondiale di Città del Capo e volto, tra l’altro, ad accreditare dette imprese quali soggetti costruttori di sostenibilità e meritevoli di particolare riconoscimento in quanto naturalmente inclini ad incorporare tale obiettivo nel proprio modello di valori e di funzionamento. Con 2,6 milioni di imprese, 1 miliardo di soci e 250 milioni di occupati, il Movimento cooperativo ricopre un ruolo fondamentale nell’economia di molti Paesi: i relatori hanno avuto modo, durante le diverse sessioni di lavoro, di comprovare che la Cooperazione è in grado di contribuire alla ricerca delle soluzioni più adatte ai problemi del mondo contemporaneo e di adattarsi ai continui cambiamenti del contesto in cui opera. Durante la manifestazione, il Presidente Altieri ed il dott. Scarzanella hanno avuto occasione di stringere rapporti con i rappresentanti della Cooperazione argentina e hanno altresì partecipato al ricevimento ufficiale al quale il Governatore Generale del Canada, Sir David Johnston, ha invitato i componenti l’ICA. Alleanza delle Cooperative Italiane Firmato il CCNL per le cooperative dello spettacolo 6 novembre 2014 E’ stato sottoscritto questo pomeriggio, presso il Palazzo della Cooperazione, a Roma, il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per gli artisti, tecnici, amministrativi dipendenti da società cooperative e imprese sociali nel settore della produzione culturale e dello spettacolo. Questo CCNL è il primo del settore sottoscritto dalle organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative che prevede la disciplina di tutte le attività e le figure professionali dello spettacolo, nonché un rafforzamento delle relazioni industriali nel settore Si tratta di una tappa storica. AGCI Culturalia, FederCultura Confcooperative, Legacoop Settore Cultura, per le centrali cooperative, e SLC CGIL, FISTel CISL e UILCOM UIL, per le organizzazioni sindacali, hanno portato a termine un percorso teso a creare uno strumento su misura per le imprese cooperative che operano nel settore e che sono state le prime a sollecitare l’avvio della trattativa. La cooperazione ritiene, infatti, che il valore della cultura vada espresso anche attraverso il rispetto di regole certe e negoziate e che vada combattuta la concorrenza sleale di chi si improvvisa e destabilizza il mercato come le false cooperative. In questo settore, sono ancora molti a ritenere che lo spettacolo non sia una professione e un’industria economicamente rilevante. Le cooperative operano da decenni nello spettacolo con professionalità e oggi si è finalmente riconosciuta la loro specificità anche dal punto di vista contrattuale. Nel CCNL vengono disciplinati il contratto intermittente e ad altri elementi di flessibilità fondamentali per chi è attivo in questo ambito, è introdotta una parte specifica sulla sicurezza dei lavoratori, si consente l’ampio ricorso all’apprendistato. E’un punto di partenza fondamentale per lo sviluppo della cooperazione dello spettacolo. MASTER IN ECONOMIA DELLA COOPERAZIONE Presso la Scuola di Economia, Management e Statistica dell’Alma Mater Studiorum Università di Bologna (sede di Bologna) è attivato per l’annualità accademica 2014 – 2015 un Corso di Master Universitario di I livello In Economia della Cooperazione (MUEC XIII Edizione, XIX Ciclo). L’iniziativa si avvale della collaborazione e del supporto organizzativo di AICCON (Associazione Italiana per la Promozione della Cultura della Cooperazione e delle Organizzazioni Non Profit) ed è promossa e sostenuta dell’Alleanza delle Cooperative Italiane e dalle tre “storiche” Associazioni di rappresentanza, assistenza e tutela del Movimento Cooperativo che vi hanno dato vita (Associazione Generale delle Cooperative Italiane - A.G.C.I.; Confederazione delle Cooperative Italiane - Confcooperative; Lega Nazionale delle Cooperative e Mutue - Legacoop). Il progetto didattico della XIII Edizione (XIX Ciclo) del Corso di Master, la cui durata è annuale, contempla una articolazione dell’iniziativa post-lauream in tre fasi temporalmente distinte: attività didattica in aula (gennaio – maggio 2015, per circa 200 ore), tirocinio curriculare (stage) presso imprese o strutture del Movimento Cooperativo (giugno – luglio [settembre] 2015, per complessive 300 ore), ritorno in aula (settembre 2015) per circa 30 ore. E’ previsto, per gli studenti lavoratori, un Project-work sostitutivo del periodo di tirocinio curriculare (stage). L’attività didattica d’aula del Corso si svolge esclusivamente nelle giornate del venerdì e del sabato mattina, per complessive 12 ore settimanali e per 21 settimane. Sarà possibile presentare le domande di partecipazione al colloquio di ammissione – che si terrà nella mattinata di sabato 6 dicembre 2014 – sino al prossimo lunedì 1 dicembre 2014. L’inizio delle lezioni dell’annualità è programmato per la mattinata di venerdì 16 gennaio 2015. Il Corso si tiene sotto la Direzione del Prof. Antonio Matacena, Ordinario di Ragioneria Generale ed Applicata (corso progredito) presso la Scuola stessa. INFO Per le informazioni di carattere didattico o scientifico (ovvero concernenti l’organizzazione generale dei lavori dell’annualità), è possibile contattare la Segreteria Didattica del Corso di Master ai seguenti recapiti: Master Universitario in Economia della Cooperazione MUEC | Università di Bologna | Scuola di Economia Management e Statistica| Piazza Antonino Scaravilli 2 - 40126 Bologna Telefono: 051 2098868 Fax: 051 2098040 E-mail: facecon.muec@unibo.it Le informazioni di carattere amministrativo possono essere invece richieste all’Ufficio Master dell’Università di Bologna, ai seguenti recapiti seguenti: Università di Bologna | Ufficio Master | Via San Giacomo 7 - 40126 Bologna Orari di apertura al pubblico: lunedì, martedì, mercoledì, venerdì dalle ore 9 alle ore 11,15; martedì e giovedì dalle ore 14,30 alle ore 15,30. Telefono: 051/2098140 Fax 051/2098039 E-mail: master@unibo.it

Thursday, December 18, 2014

una grande associazione internazionale- Slow Food

Che cos’è Slow Food Slow Food è una grande associazione internazionale no profit impegnata a ridare il giusto valore al cibo, nel rispetto di chi produce, in armonia con ambiente ed ecosistemi, grazie ai saperi di cui sono custodi territori e tradizioni locali. Ogni giorno Slow Food lavora in 150 Paesi per promuovere un’alimentazione buona, pulita e giusta per tutti. Oggi Slow Food conta su una fitta rete di soci, amici e sostenitori in tutto il mondo grazie e con i quali: Difendiamo il cibo vero Un cibo che cessa di essere merce e fonte di profitto, per rispettare chi produce, l’ambiente e il palato! Promuoviamo il diritto al piacere per tutti Con eventi che favoriscono l’incontro, il dialogo, la gioia di stare insieme. Perché dare il giusto valore al cibo, vuol dire anche dare la giusta importanza al piacere, imparando a godere della diversità delle ricette e dei sapori, a riconoscere la varietà dei luoghi di produzione e degli artefici, a rispettare i ritmi delle stagioni e del convivio Ci prepariamo al futuro Che ha bisogno di terreni fertili, specie vegetali e animali, meno sprechi e più biodiversità, meno cemento e più bellezza. Conoscere il cibo che si porta in casa, può aiutare il pianeta. Ecco perché Slow Food coinvolge scuole e famiglie in attività ludico didattiche, tra cui gli orti nelle scuole e i 10 000 orti in Africa Valorizziamo la cultura gastronomica Per andare oltre la ricetta, perché mangiare è molto più che alimentarsi e dietro il cibo ci sono produttori, territori, emozioni e piacere Favoriamo la biodiversità e un’agricoltura equa e sostenibile Dando valore all’agricoltura di piccola scala e ai trasformatori artigiani attraverso il progetto dei Presìdi Slow Food, e proteggendo i prodotti a rischio di estinzione con l’Arca del Gusto Che cosa facciamo Slow Food lavora in tutto il mondo per tutelare la biodiversità, costruire relazioni tra produttori e consumatori, migliorare la consapevolezza sul sistema che regola la produzione alimentare. In una visione che parte delle radici per arrivare alle nostre tavole, promuoviamo il diritto alla terra e sosteniamo i diritti della terra grazie a tantissime iniziative che partono dalle Condotte Slow Food (le associazioni locali) fino a progetti di portata internazionale, tra cui: 10.000 orti in Africa Nelle scuole, nei villaggi e nelle periferie delle città coltiviamo 10 000 orti per creare una rete di giovani che lavorano per salvare la straordinaria biodiversità dell’Africa, per valorizzare i saperi e le gastronomie tradizionali, per promuovere l’agricoltura familiare e di piccola scala Scopri il progetto deo 10.000 orti in Africa > Educazione alimentare, sensoriale e del gusto Coinvolge adulti e bambini presentando cibo con tutte le sue valenze culturali, sociali e naturalmente organolettiche. Con gli Orti in Condotta si avvicinano scolari e famiglie alla cultura alimentare, si impara il valore di semi e frutti, a tutelare le risorse della terra, per poi scegliere ciò che mangiamo in base alle nostre esigenze e non secondo quelle del mercato. I Master of Food sono un percorso educativo innovativo e originale, basato sul risveglio e l’allenamento dei sensi, sull’apprendimento di tecniche produttive del cibo e sulla degustazione come esperienza formativa. Vai al sito di Slow Food Educazione > Terra Madre Terra Madre è il sogno che diventa realtà, la globalizzazione positiva che dà voce a chi non si rassegna al modello omologante imperante. Oltre 2000 Comunità del cibo in tutto il mondo operano perché la produzione del cibo mantenga un rapporto armonico con l’ambiente e per affermare la dignità culturale e scientifica dei saperi tradizionali. Linfa di questa rete sono gli incontri regionali tenuti in tutti i continenti, per culminare nel Salone del Gusto e Terra Madre di Torino in una grande festa diventata il più importante appuntamento mondiale dedicato al cibo. Vai al sito di Terra Madre > Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus Con la Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus coordiniamo progetti che difendono le tradizioni locali, proteggono le comunità che nascono attorno al cibo, promuovono la sapienza artigiana. Oggi la Fondazione promuove e tutela 400 Presìdi Slow Food in tutto il mondo e 1000 prodotti dell’Arca del Gusto. Vai al sito della Fondazione Slow Food per la Biodiversità > Mercati della Terra Una rete internazionale fatta di trasformatori e contadini uniti da valori e regole condivisi tra loro e Slow Food. Un luogo dove incontrarsi, conoscersi, mangiare in compagnia e trovare prodotti locali e di stagione, presentati solo da chi produce quello che vende. 

Con spazi per i più giovani, per l’educazione del gusto, per gli eventi. Vai al sito dei Mercati della Terra > Salviamo il paesaggio Slow Food Italia fa parte del forum italiano dei movimenti per la terra e il paesaggio, un aggregato di associazioni e cittadini che lavorano per tutelare il territorio italiano dalla deregulation e dal cemento selvaggio. Perché negli ultimi 30 anni abbiamo cementificato un quinto dell’Italia, circa 6 milioni di ettari. Perché in Italia ci sono 10 milioni di case vuote, eppure si continua a costruire. Perché i suoli fertili sono una risorsa preziosissima e non rinnovabile. E li stiamo perdendo per sempre. Vai al sito di Salviamo il Paesaggio > Slow Food Editore Per favorire la consapevolezza del consumatore, promuovere un’agricoltura pulita, e intrattenere con ricette e proposte gastronomiche, e diffondere e amplificare il messaggio della chiocciola, nel 1990 nasce Slow Food Editore. Il secondo anno di attivitá pubblica il best-seller Osterie d’Italia – Sussidiario del mangiarbere all’italiana, per poi proseguire con un percorso editoriale che affianca l’evoluzione dell’associazione e oggi conta oltre cento titoli Vai alla pagina di Slow Food Editore > Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo Nata e promossa nel 2004 da Slow Food con la collaborazione di Piemonte ed Emilia Romagna, è un’università privata legalmente riconosciuta. I percorsi di studio proposti, sono studiati per dare dignità accademica al cibo interpretato come fenomeno complesso e multidisciplinare attraverso lo studio di una rinnovata cultura dell’alimentazione. La nostra storia Movimento per la tutela e il diritto al piacere Nata Arcigola e fondata in Piemonte nel 1986 da Carlo Petrini, Slow Food diventa internazionale nel 1989 come «Movimento per la tutela e il diritto al piacere» e un manifesto d’intenti che pone l’associazione come antidoto alla «Follia universale della “fast life”» e «Contro coloro, e sono i più, che confondono l’efficienza con la frenesia, [a cui] proponiamo il vaccino di un’adeguata porzione di piaceri sensuali assicurati, da praticarsi in lento e prolungato godimento». Si iniziava dalla tavola, dal piacere garantito da convivialità, storia e cultura locali, per arrivare a una nuova gastronomia che presuppone anche una nuova agricoltura dove la sostenibilità (ambientale e sociale) è imprescindibile. Oggi rinnoviamo la fiducia nel diritto al piacere che ci ha portati a salvaguardare biodiversità e tradizioni, a educare al gusto e all’alimentazione consapevole, a organizzare il Salone del Gusto e Terra Madre, il più grande appuntamento internazionale dedicato al cibo, a fondare l’Università di Scienze Gastronomiche e a tessere la tela della grande rete delle Comunità del cibo di Terra Madre. Una prima esplicita dichiarazione d’intenti arriva con la nascita di Slow Food Editore che nel 1990 pubblica il best seller della nostra casa editrice: Osterie d’Italia, sussidiario del mangiarbere all’Italiana, che ancora oggi ci guida alla scoperta della migliore tradizione gastronomica del nostro Paese. Intanto l’organizzazione cresce: nello stesso anno con il congresso di Venezia si costituisce ufficialmente l’associazione Slow Food e gli anni successivi arrivano le sedi di Berlino (1992) e Zurigo (1993). Dal 1994 si lavora a più non posso: con Milano Golosa si sperimentano i primi Laboratori del Gusto, una formula a quei tempi avanguardistica per imparare, degustare e scoprire prodotti e divertendosi. La prima edizione del Salone Internazionale del Gusto (a novembre 1996) si rivela una bellissima festa, occasione, tra l’altro, per presentare l’Arca del Gusto, il grande catalogo mondiale che raccoglie i sapori tradizionali che stanno scomparendo. Con il convegno Dire fare gustare si apre il progetto di educazione alimentare e del gusto di Slow Food e nello stesso anno, inauguriamo a Bra (Cn), la prima edizione di Cheese – Le forme del latte, la rassegna biennale internazionale dedicata ai formaggi e che ogni due anni accoglie e riunisce centinaia produttori italiani e stranieri che grazie a Cheese hanno costruito una fitta rete di relazioni. Diventiamo ecogastronomi Intanto va sviluppandosi quella sensibilità ambientale che negli anni darà nuova linfa, contenuti e idee all’associazione, perché «Per dirla tutta: un gastronomo che non ha sensibilità ambientale è uno stupido; ma un ecologista che non ha sensibilità gastronomica è triste nonché incapace di conoscere le culture su cui vuole operare. Meglio l’ecogastronomia dunque» dichiara Carlo Pettini in Buono, pulito e giusto (Einaudi, Torino 2005) inaugurando una nuova prospettiva con cui guardare il sistema di produzione alimentare. «Le culture tradizionali hanno creato un patrimonio gigantesco di ricette, preparazioni, trasformazioni dei cibi locali o di facile accesso. Anche nelle zone del mondo più colpite dalla malnutrizione. Questi saperi gastronomici sono strettamente connessi con la biodiversità e rappresentano sia il modo per utilizzarla, sia il modo per difenderla. In più danno piacere, organolettico e anche intellettuale, perché simbolo di una cultura identitaria.» È il 2000 quando prende il via il progetto dei Presìdi Slow Food, interventi mirati per salvaguardare o rilanciare piccole produzioni artigianali e tradizionali a rischio di estinzione. Un programma supportato dalla prima edizione (Bologna 2000) del Premio Slow Food per la difesa della biodiversità, in un percorso che ha come traguardo la Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus nata nel 2003 per sostenere Presìdi Slow Food e l’Arca del Gusto. Oggi la Fondazione è capofila dei tanti progetti Slow Food pensati per difendere e supportare sovranità alimentare e biodiversità. L’impegno politico continua e in Slow Food lancia la campagna No Gm Wines, contro la commercializzazione in Europa di viti transgeniche, e stila il Manifesto in difesa dei formaggi a latte crudo. Il percorso di educazione si potenzia con il varo dei Master of Food, corsi di educazione sensoriale pensati per gli adulti e con la decisione del quarto congresso internazionale (Napoli 2003) di lavorare affinché ogni Convivium, le sedi locali dell’associazione nel mondo, possa progettare l’avvio di School Gardens. Dall’ecogastronomia alla neogastronomia: la rivoluzione di Terra Madre Nel 2004, la Fao riconosce ufficialmente Slow Food come organizzazione no profit con cui instaurare un rapporto di collaborazione. Si inaugura la rinnovata Agenzia di Pollenzo (Cn) che ospita la prima Università di Scienze Gastronomiche al mondo riconosciuta dal nostro Ministero. Genova ospita la prima edizione di Slow Fish, rassegna dedicata al pesce e alla pesca sostenibile. Ma il 2004 è soprattutto l’anno di Terra Madre: per la prima volta a Torino si incontrano cinquemila delegati da 130 Paesi: contadini, pescatori, artigiani, nomadi, giovani, vecchi, musicisti, cuoche e cuochi, accademici di tutto il mondo riniti in una tre giorni di laboratori, incontri, scambi, esperienze e festa. Terra Madre è il nuovo soggetto al servizio del pianeta, rappresenta ciò che è stato definito come “glocalismo”: una serie di piccole azioni locali che hanno grandi ripercussioni a livello mondiale. Slow Food è ciò che siamo e Terra Madre ciò che facciamo. Nel 2006 Slow Food compie 20 anni e festeggia in occasione del VI Congresso Nazionale di Slow Food Italia a Sanremo, dove si battezza e dà l’avvio al progetto Orto in Condotta. L’anno seguente Slow Food Italia aderisce alla coalizione ItaliaEuropa – Liberi da Ogm che raccoglie oltre 3,6 milioni di Sì con la consultazione nazionale sul tema “Vuoi che l’agroalimentare, il cibo e la sua genuinità, siano il cuore dello sviluppo, fatto di persone e territori, salute e qualità, sostenibile e innovativo, fondato sulla biodiversità, libero da Ogm?”. A Montpellier Slow Food organizza la prima edizione di Vignerons d’Europe, meeting di vignaioli da tutto il continente. A Puebla, in Messico, il quinto congresso internazionale di Slow Food riunisce 600 delegati. Nel 2008 la rete di Terra Madre organizza meeting in Etiopia, Irlanda e Olanda che culminano nella terza edizione del meeting torinese che si svolge in concomitanza del Salone Internazionale del Gusto. Nello stesso anno nascono i Mercati della Terra, rete mondiale di mercati contadini. Seconda festa nazionale degli Orti in Condotta. Gli incontri regionali di Terra Madre continuano l’anno seguente in Tanzania, Argentina, Bosnia, Norvegia e Austria. Il 10 dicembre (ventennale dell’associazione internazionale) si tiene in tutto il mondo la prima edizione del Terra Madre Day, uno dei più importanti eventi collettivi di celebrazione del cibo buono, pulito e giusto. Più di 1000 appuntamenti in 150 Paesi hanno coinvolto oltre 2000 comunità del cibo e circa 200 000 persone. Nel 2010, mentre Slow Food Italia va a congresso per la settima volta, in Bulgaria si riuniscono per la prima volta le Comunità del cibo dei Balcani Terra Madre Balcani. Nel 2011 Slow Food compie 25 anni: in 300 piazze d’Italia si festeggia lo Slow Food Day. Prende avvio Slow Food Europe la nuova campagna nata per promuovere la sostenibilità, la protezione della biodiversità e supportare le produzioni di piccola scala. A Jokkmokk, in Svezia, per la prima volta si riuniscono le comunità del cibo di Terra Madre Indigenous. Durante l’incontro è stato firmato l’accordo di Jokkmokk, una dichiarazione per ribadire i diritti dei popoli indigeni. Nel 2012 abbiamo fatto un’ulteriore passo per porci come soggetto politico internazionale: il Salone Internazionale del Gusto ha aperto le porte a Terra Madre dando vita a un unico evento, unico nel suo genere, capace di accogliere e diffondere le istanze di migliaia di Comunità che in tutto il mondo si impegnano per dare il via a un nuovo paradigma che pone produttori, consumatori e prodotti al centro di un sistema che sfugge le logiche del profitto. Oggi ancora con più determinazione di ieri vogliamo metterci a fianco degli agricoltori, a partire dalle Comunità del cibo che già operano nella rete di Terra Madre ma anche da quelle che ancora non ne fanno parte e che non vediamo l’ora di accogliere. Per questo vogliamo lavorare per rafforzare questa rete, con i suoi progetti, con il lavoro quotidiano dei suoi collaboratori e dei suoi volontari. Quale allevamento per quale benessere 18/12/2014 Allevamenti intensivi Circa 32mila volatili sono stati abbattuti in un allevamento di Porto Virno, a cinquanta chilometri a sud di Venezia, a causa di un’epidemia di influenza aviaria del ceppo H5N8. Vi diciamo subito che il virus è mortale per gli animali, ma rappresenta un rischio molto basso per gli uomini. Non vogliamo creare panico ma richiamare la vostra attenzione su un altro punto. La diffusione di questo virus su larga scala avviene quando entra negli allevamenti intensivi. Un fattore fondamentale capire come arginare l’epidemia e iniziare a ragionare seriamente su che tipo di allevamento vogliamo. Ancora una volta sotto accusa ci sono tipi di allevamento che, oltre a stressare (per usare un eufemismo) gli animali, risultano pericolosi per gli uomini e assolutamente indecenti per l’ambiente. Per tornare a Porto Virno vi diciamo anche che si sta cercando di bypassare e attribuire le responsabilità a fattori esterni. In questo caso gli uccelli selvatici: «Anche se l’origine del contagio da parte degli uccelli selvatici non è da escludere, non può però essere considerato la causa principale della diffusione del virus. Infatti, bassi livelli di influenza aviaria sono naturalmente presenti negli uccelli selvatici, ma la diffusione su larga scala viene in un certo modo limitata grazie al loro migliore sistema immunitario e alle migliori condizioni degli ambienti in cui vivono, in cui non sono, a differenza dei volatili allevati in modo intensivo, ammassati gli uni sugli altri a densità altissime» ben spiega l’associazione CIWF Italia Onlus che lavora per la protezione e il benessere degli animali negli allevamenti. Insomma, qui non si tratta di capricci da elitari radical chic, né di eccessiva sensibilità animalista. Non possiamo più rimanere indifferenti e ignorare che il benessere degli animali che sono destinati alla nostra nutrizione è legato alla salute pubblica, alla sicurezza alimentare e alla tutela dell’ambiente. Dobbiamo metterci in testa che le condizioni di allevamento intensivo rende gli animali più vulnerabili alle malattie. Ed è per questo, che spesso, gli animali allevati, meglio dire ingrassati industrialmente, vengono sottoposti a intervalli regolari a iniezioni di vaccini e antibiotici, sostanze potenzialmente nocive per chi ne consumerà la carne. Non solo. L’industria della carne costituisce una grave minaccia per la sopravvivenza di quegli allevatori di piccola scala che non riescono a reggere la competizione con i grandi produttori e con i bassi prezzi della produzione seriale di carne. Che cosa possiamo fare noi ogni giorno? Il nostro non è un invito a rinunciare al consumo di carne, ma di scegliere: le nostre decisioni possono incidere su un cambiamento in positivo del sistema alimentare globale. E, parlando di carne, possiamo fare davvero molto. Qualche consiglio: 1. Consuma meno carne ma di migliore qualità. Se eviti la carne proveniente dagli allevamenti intensivi e se scegli carne prodotta secondo standard elevati di benessere animale, avrai già fatto tantissimo. E aumenta i consumi di legumi e vegetali. 2. Scegli specie e razze diverse. In Europa si consumano prevalentemente suini e pollame; negli Stati Uniti bovini; in oriente avicoli… Se la domanda dei consumatori si concentra sulle stesse tipologie, solo una produzione di tipo intensivo potrà accontentarli. Variare la scelta significa allentare la pressione su determinati tipi di animali. 3. Scegli tagli diversi e impara a fare acquisti meno convenzionali. Un bovino non è fatto solo di “bistecche” e un pollo non è fatto di solo petto. La concentrazione della domanda sugli stessi tagli determina elevati sprechi alimentari, e tutta la carne sprecata determina… un aumento spropositato della domanda di nuovi animali da allevare. Riscoprire le ricette tradizionali ti aiuterà a capire che a ogni taglio corrispondono ricette specifiche, in grado di valorizzarlo al meglio. 4. Diffida di prezzi troppo bassi, perché spesso sono indice di una pessima qualità dell’alimentazione somministrata agli animali, di sfruttamento, di costi nascosti che ricadono sull’ambiente o ancora delle pessime condizioni lavorative applicate negli allevamenti e nei macelli industriali. 5. Ricordati che locale è meglio. Anche quando acquisti la carne, verificane sempre la provenienza ed evita quella di importazione. 6. Leggi bene le etichette che possono fornire informazioni utili, sul tipo di carne che stai mangiando. L’etichetta narrante dei Presìdi Slow Food, ad esempio, dà molte informazioni utili sulle caratteristiche della razza, su dove e come viene allevata, sulla sua alimentazione e sulla macellazione. Se non hai tempo per leggere, almeno informati dal tuo macellaio sulla specie di animale che stai acquistando. 7. Metti il benessere animale al primo posto. Per farlo, affidati a consorzi, associazioni o aziende che adottano disciplinari rigorosi sull’alimentazione e il benessere degli animali. 8. Non riempire troppo il tuo carrello. Per l’acquisto di carne fresca limitati a comprare quel che consumerai nel breve periodo. 9. Sii curioso. Chiedi al tuo macellaio carne di qualità e stimolalo a scegliere quella di animali allevati nel rispetto del loro benessere. Concediti, se puoi, qualche “gita” in fattoria, di tanto in tanto. Sarà utile per capire come vengono allevati gli animali, cosa mangiano, a che età vengono macellati. 10. Fa’ che la rinuncia sia piacevole. Mangiare meno carne non è una condanna: ne guadagna la tua salute, quella dell’ambiente e il benessere animale. Ricordati di “sostituirla” con alimenti gustosi e di stagione, e non ne sentirai troppo la mancanza. Per approfondire puoi consultare la nostra sezione dedicata alla carne e la posizione di Slow Food sul benessere animale A cura di Michela Marchi Se il Parmigiano reggiano costa meno dello stracchino 17/12/2014 Domenica 14 dicembre una bella pagina di Repubblica a firma Jenner Meletti e corredata da un commento di Carlo Petrini (che riprendiamo per intero) ci segnala l’ennesima distorsione di un mercato che fagocita e ben poco restituisce a chi lavora con dedizione, impegno, responsabilità. Veniamo subito al dunque e riportiamo pochi numeri che ben inquadrano il problema: negozio InCoop, centro di Bologna. Mozzarella Vallelata, 10,16 euro al chilo. Mozzarella Santa Lucia, 11,36. Stracchino cremoso Granarolo 14,65. E il Parmigiano Reggiano? Nella grande distribuzione, spunta prezzi civetta di 9-10 euro al chilo. «Nel 2012 il formaggio stagionato fra i 12 e i 24 mesi ci veniva pagato 9 euro. L’anno scorso la media è stata di 8 euro. In questo 2014 non supereremo i 7 euro. Per il nostro lavoro servono puntualità e tanta, troppa pazienza» racconta a Repubblica Giorgio Affanni, allevatore di 130 capi con 60 vacche in mungitura. Che cosa sta succedendo? Ancora una volta ricorriamo ai numeri per chiarirci le idee: «Da tre milioni di forme prodotte – raccontano Cristiano Fini e Antenore Cervi, presidenti della Cia, Confederazione italiana agricoltori, a Modena e Reggio Emilia – siamo passati a tre milioni e trecentomila. E questo ha messo in crisi il mercato perché l’offerta ha superato la domanda. Con la crisi economica, inoltre, il reddito delle famiglie è diminuito. Per questo il Consorzio del Parmigiano Reggiano ha deciso, per il 2015, di “tagliare” la produzione di latte di 800.000 quintali, pari al 5% del totale. Le forme in meno saranno 150.000». Purtroppo non è solo l’over produzione a indebolire il comparto, ma ci si mette anche la distribuzione. Negli spacci aziendali dei caseifici viene commercializzato solo il 10% del prodotto, con prezzi che vanno da 10 ai 14 euro, quasi il doppio di quelli all’ingrosso. Le vendite all’estero continuano ad andare bene e hanno raggiunto il 30% del totale, ma questo mercato è in gran parte in mano agli esportatori che hanno comprato spendendo il minimo. «I sintomi di una crisi del Parmigiano reggiano sono evidenti da anni a tutti i livelli della filiera produttiva. Chiusura di stalle e caselli, prezzi sempre meno remunerativi, sconforto dei produttori, non sono segnali passeggeri, ma effetti che tendono a diventare un problema per molto tempo e, quindi, a compromettere il futuro di questo straordinario patrimonio. Come contraltare l’effluvio di parole e balle sul Made in Italy e l’ostentazione gourmettista di elogi sui media. Una schizofrenia insopportabile per ogni persona che ha a cuore il destino di questo storico formaggio e il benessere di una vasta comunità di produttori. Servirebbe una seria e approfondita analisi del problema a partire dalla comunicazione e dall’educazione dei consumatori. Il Parmigiano reggiano non può competere con forme di marketing di tipo industriale; deve saper esaltare le eccellenze, anche se di piccola scala. Il Parmigiano reggiano non è tutto uguale e, quindi, va valorizzata con più determinazione l’alta qualità rispetto al prodotto medio. Una scala di valori e di prezzi rispetto alla qualità non può che far bene. Una produzione semi-anonima (non basta il numero del casello inciso sulla forma) non serve a posizionare le partite a prezzi giusti. Se il Barolo o il Chianti non fossero distinti per territorio, vigna, produttore e annata, e tutto fosse genericamente Barolo o Chianti, i nostri vigneron non avrebbero gli occhi per piangere e sarebbero in balìa di commercianti senza scrupoli. La diversità del prodotto è la base della sua fortuna e genera, se ben retribuita, l’ambizione di lavorare con più attenzione verso l’eccellenza. Poi, a questo punto, si potrà spiegare ai cittadini consumatori il valore nutrizionale di questo formaggio che non ha pari al mondo e non può essere usato solo grattugiato. Forse è giunto il tempo del cambiamento e di capire l’insostenibilità di questa carenza di valore e di prezzi risibili. Parafrasando il grande Gino Bartali sul fronte dell’informazione e del marketing del Parmigiano reggiano si potrebbe dire: L’è tutto sbagliato, l’è tutto da rifare!». Carlo Petrini, da La Repubblica del 14 dicembre 2014 Dimmi che bio scegli e ti dirò chi sei 16/12/2014 Immaginiamo che gran parte di voi abbia visto la puntata di Report sul bio (sì, dai, ci torniamo anche noi) e allo stesso modo immaginiamo che la maggior parte di coloro che hanno impiegato così la propria domenica sera non abbiano visto soddisfatte le proprie aspettative. Per chi è più che interessato a quello che mangia, a come viene prodotto, a trovare un cibo buono per sé, per l’ambiente e per chi lo produce, non serve forse un servizio giornalistico che, se ha avuto il merito di insinuare il dubbio e sollecitare più controlli, non offre rifugio al consumatore finale. La regola per noi è sempre la stessa: cerchiamo di conoscere chi ci offre il cibo che portiamo in tavola, siamo curiosi, non temiamo di tediare il nostro spacciatore di verdurine di fiducia con mille domande e oltre al naso e alla bocca usiamo la testa. Presuntuosi? Direi piuttosto prudenti e interessati. E non mi venite a dire che non avete tempo perché conosco mamme con prole frignante al seguito che, nonostante il lavoro full time, riescono a organizzare incursioni al mercato, a scovare gruppi d’acquisto di ogni specie e a non impazzire. Le rese del bio raggiungono quelle del convenzionale Tornando a Report, forse un po’ più di approfondimento da una trasmissione di quel livello (che pur ha avuto il merito di svegliare il can che dorme soprattutto in Piemonte), sarebbe stato gradito. Certo, vale mettere in guardia dalle truffe (ma sul marketing del packaging dei cosmetici, nessuna novità, ci pare, no?), ma possibile che siano tutti imbroglioni? L’aspetto su cui ci piacerebbe invece soffermarci è un altro. Possibile che si debba dimostrare a suon di certificati – con costi indecenti e processi burocratici svilenti – di essere completamente naturali? Questo onere non dovrebbe invece ricadere su chi produce inquinando, proponendo un prodotto arricchito da tossine e veleni? Perché lo sforzo debbono farlo i virtuosi? Domanda retorica, va bene, ma sarebbe bello che i consumatori pretendessero altro, considerato che siamo noi a tenere su il Mercato. Già che stiamo parlando di bio, volevamo segnalare ancora altri due notiziole. O meglio, studi che sostengono come le coltivazioni biologiche potrebbero nutrire il mondo. Quello pubblicato dalla Royal Society il 10 dicembre mostra come le rese dell’agricoltura bio possano raggiungere quelle dell’agricoltura convenzionale. Senza utilizzare quantità smisurate di pesticidi e fertilizzanti sintetici che soffocano gli ecosistemi marini con fioriture di alghe pestifere. Questa ricerca, opera della prestigiosa Università di Berkeley in California, dimostra come la differenza di rese tra colture biologiche e convenzionali, se si rispetta la rotazione stagionale, può raggiungere la soglia dell’8%, percentuale decisamente inferiore rispetto al 25% stimato in precedenza. Se quanto affermano gli studiosi californiani fosse vero, significherebbe che le coltivazioni bio possono sfamare il pianeta. Prima degli applausi, però, vorrei invitarvi a una riflessione. Le maggiori rese non aiuteranno a combattere fame e obesità (l’assurdo paradosso che viviamo con sfacciata indifferenza), soprattutto perché in realtà la maggior parte delle colture finiscono con alimentare allevamenti e auto, non le persone. Negli Stati Uniti infatti, più di tre quarti delle calorie prodotte dalle aziende agricole è destinato all’allevamento e ai combustibili biologici. Insomma il punto è sempre lo stesso: la fame zero si raggiunge aumentando l’accesso al cibo, non aumentando le rese… Dati alla mano, allora, quanto ci serve l’agricoltura industriale a sfamarci? Il problema non è quindi coltivare di più, ma garantire alle comunità accesso al cibo e sovranità alimentare. La strada, non ci stanchiamo di ribadirlo, è quella dell’agricoltura familiare. Puntiamo sull’agricoltura familiare E ancora una volta non siamo i soli a sostenerlo: un recente sondaggio a cura di Grain che, grazie a una corposa base dati raccolti in tutto il mondo, mette in luce come sono i produttori di piccola scala a sfamare il mondo e lo fanno utilizzando solo il 24% della superfice coltivabile, o il 17% se si escludono Cina e India. E come fanno questi contadini a sfamarci tutti coltivando una superficie così irrisoria? Il paradosso è che le piccole aziende agricole spesso sono molto più produttive di quelle grandi. The Ecologist ci informa che se i rendimenti delle piccole aziende keniote fossero messe nelle stesse condizioni delle produzioni su larga scala, la produzione raddoppierebbe. In America Centrale triplicherebbe. Se le rendita delle mega aziende in Russia raggiungesse i risultati di quelle piccole, la produzione aumenterebbe di sei punti. Insomma, crediamoci. Con un po’ più di impegno e interesse possiamo davvero migliorare il mondo con la forchetta. Il bio costa troppo e non ci fidiamo per via dei “biofurbetti”? Chiediamo, informiamoci e valutiamo le nostre priorità d’acquisto. Michela Marchi Lima: un’altra occasione persa 15/12/2014 «Riunire le delegazioni di 195 Paesi per discutere di clima e uscire dopo due settimane con un documento debolissimo che rinvia l’appuntamento a Parigi 2015 vuol dire aver perso un’occasione adesso, rimandando di un ulteriore anno interventi tardivi già decenni fa». È questo il commento di Gaetano Pascale, presidente di Slow Food Italia, sulla conferenza Onu di Lima sui cambiamenti climatici (Cop20) che dopo giorni di dibattito si è conclusa ieri a notte fonda, con l’ennesimo compromesso. Il motivo di queste continue insicurezze, accordi tampone e temporeggiamenti è noto ormai da anni, raggiungere un equilibrio tra i tetti di Co2 emessi dai Paesi del Nord del mondo e quelli delle industrie in via di sviluppo: «I Paesi industrializzati devono assumersi le proprie responsabilità e accettare il maggior peso derivante dalla riduzione di gas serra a disposizione, accompagnando le industrie del Sud del mondo in una crescita sostenibile», continua Pascale. «Tuttavia voglio concludere con un messaggio positivo, auspicando che si arrivi a Parigi 2015 con un accordo che non sia il frutto di un compromesso ma che impegni i Paesi a prendere provvedimenti davvero seri e quantificabili». Ed effettivamente così dovrebbe essere dato che, sulla base dell’accordo sottoscritto a Lima, i Paesi dovranno presentare all’Onu entro il 1° ottobre 2015 impegni «quantificabili» ed «equi» di riduzione delle emissioni, oltre a una dettagliata informazione sulle azioni da seguire. È poi previsto che gli esperti della convenzione del cambiamento climatico (Ipcc) esaminino l’impatto di tali misure per ogni singolo Paese per verificare se sono sufficienti affinché la temperatura non salga oltre i due gradi in più rispetto a prima della rivoluzione industriale. Sulla base del documento approvato, i Paesi firmatari s’impegnano a rispettare una serie di azioni in vista di Cop21, il cui obiettivo è l’adozione di un accordo universale e vincolante per limitare il riscaldamento climatico a 2 gradi. «Con Lima è la ventesima volta che le delegazioni si incontrano per discutere di cambiamenti climatici, senza tuttavia giungere a interventi significativi e risolutivi. È un segnale della lentezza con sui si procede nel prendere provvedimenti sul clima. È anche vero che Lima è nata come un appuntamento di transizione perché si punta tutto su Parigi», commenta Luca Mercalli, climatologo e presidente della Società Meteorologica Italiana Nimbus. Come ormai da anni accade, il nodo da sciogliere è il rapporto tra le emissioni dei Paesi industrializzati, quelli che storicamente hanno inquinato per decenni senza alcuna regola, e quelli in via di sviluppo, che per crescere a un ritmo incalzante hanno impiegato le nostre macchine antiquate e altamente inquinanti: «Adesso è necessario, da un lato definire limiti accettabili per ciascun Paese e dall’altro investire affinché anche chi sta cominciando a produrre adesso possa usufruire di tecnologie adeguate e non così impattanti sull’ambiente», prosegue il climatologo. Andando oltre la più stringente attualità, e analizzando questo 20 anni di incontri, «L’accordo dei sogni adesso non è più realizzabile, avrebbe avuto senso se fosse andata bene la conferenza di Rio del 1992, invece ogni anno non si fa altro che aggravare la malattia climatica», continua Mercalli. «Quello che possiamo fare adesso è investire le nostre risorse di cittadini e governi in vista di Parigi 2015 affinché il documento che ne uscirà sia buono. C’è da considerare che siamo già oltre e possiamo solo salvare il salvabile». Il vertice di Lima è cominciato il 1 dicembre 2014, a 9 anni dagli accordi di Kyoto. Intanto, nonostante gli sforzi degli ultimi anni e gli investimenti sulle energie rinnovabili, la crescita delle emissioni di Co2 è aumentata. Questo, però, non significa che non sia possibile un’inversione di tendenza, come afferma Christiana Figueres, segretario esecutivo della Convenzione delle Nazioni Unite sul clima, che non chiude a una speranza per la Terra: «Mai prima d’ora i rischi del cambiamento climatico sono stati così evidenti e gli impatti così visibili. Mai prima d’ora abbiamo visto un tale desiderio a tutti i livelli della società di agire per il clima, e mai prima d’ora la società aveva tutte le politiche e le risorse tecnologiche intelligenti per ridurre le emissioni di gas a effetto serra e favorire la resilienza». Fonte: Misna.it, Corriere.it, Repubblica.it Elisa Virgillito Olio d’oliva italiano cercasi 15/12/2014 Una bottiglia su tre “bevuta” dalla mosca olearia: questa l’immagine che meglio rappresenta il panorama dell’olio italiano. Un momento molto difficile, con un calo della produzione del 37% rispetto al 2013, che raggiunge punte del 45% in Umbria e Toscana. In numeri, parliamo di 300mila tonnellate di olio contro le 464mila del 2013 (dati Istat). Tra le cause principali, un clima instabile, troppo caldo nel periodo di fioritura e umido in estate, aggravato dalle ultime grandinate. Il risultato è amaro: un intero settore agricolo è in ginocchio, l’olio scarseggia e i consumatori devono fare i conti con prezzi più alti e potenziali truffe. Stando alle stime di Coldiretti, le importazioni raggiungeranno i massimi storici: 700mila tonnellate contro le 481mila del 2013. In altre parole, due bottiglie su tre riempite in Italia contengono olio di oliva straniero. Nuove etichette Cosa cambierà con la nuova normativa in vigore dal 13 dicembre? La nuova etichettatura europea metterà in evidenza le diciture sulla provenienza degli oli, garantendo informazioni più trasparenti seppur ancora generiche. Il primo passo nella giusta direzione, anche se il percorso resta lungo. «I produttori che lavorano soprattutto o solo le proprie olive sono comunque penalizzati dal non poter inserire in etichetta tutte le informazioni relative a luogo di produzione e processo produttivo, a meno che non ricadano in aree a Denominazione di Origine Protetta o non ne rivendichino la certificazione», commenta Gaetano Pascale, presidente di Slow Food Italia. «È vero, con la nuova normativa sarà obbligatorio indicare gli Stati, ma non basta. Per noi di Slow Food è fondamentale indicare tutte le informazioni sul processo produttivo dimostrabili dal produttore», conclude Pascale. Tappo antirabbocco È di pochi giorni fa la norma che vieta l’utilizzo delle oliere in ristoranti, pizzerie, mense e bar. Ora sul tavolo dobbiamo avere contenitori etichettati e forniti di dispositivo di chiusura che non possa essere sostituito senza danneggiare la bottiglia. Ma anche su questo aspetto Pascale solleva alcuni dubbi: «L’obbligo di avere bottiglie provviste di etichette nei ristoranti è senza dubbio un fatto positivo, il dispositivo di chiusura però ha un’incidenza significativa, per piccoli numeri, sul costo delle bottiglie». Attenti alle truffe Tra carenza di olio, modi per aggirare la normativa ed etichette poco precise, lo scenario non è per nulla sereno. Quindi occorre fare moltissima attenzione al momento dell’acquisto, perché purtroppo gli escamotage sono molti. Per ridare smalto e colore agli oli vecchi, infatti, qualcuno aggiunge betacarotene e clorofilla, spacciandoli poi per oli di qualità. Vero è che il sapore dovrebbe comunque mettervi in allarme. In ogni caso, però, occhio all’etichetta! Allerta massima da parte del Corpo Forestale dello Stato nei confronti dei trafficanti di olio, che in situazioni come questa possono riuscire a coinvolgere operatori disperati. Secondo la Forestale, si tratta di «colletti bianchi che provano a importare olio straniero o olive da vendere alle aziende in crisi. Senza escludere un potenziale coinvolgimento delle mafie», spiega Amedeo De Franceschi, direttore della divisione sicurezza agroalimentare del Corpo Forestale. Su e giù per l’Italia Vediamo in sintesi qual è la situazione dell’olio italiano, in sofferenza da Nord a Sud, nessuno escluso, dove non ci si aspettava un contesto simile. Toscana. Lo scenario 2014 dell’oro giallo, pilastro dell’economia e terza voce dell’export della regione dopo vino e moda, oltre che simbolo della qualità del territorio, è da decimazione. Come era già evidente alla vigilia della raccolta, a causa delle tre ondate di attacchi della mosca Bactrocera Oleae, contro cui gli altrettanti trattamenti delle piante (invece dell’unico, o al massimo i due, che si fanno di solito) sono serviti a poco, il crollo della produzione (di solito 18mila quintali annui) è stato del 70%, fra olio Igp, Dop e non, con punte di oltre il 90% in alcune zone. Se in Umbria l’Ismea prevede una diminuzione della produzione pari al 45%, nella regione con la più alta incidenza sulla produzione olivicola italiana, la Puglia, si parla della maggiore emergenza degli ultimi 15 anni. Oltre le intemperie e la mosca, infatti, i coltivatori del Salento hanno dovuto fare i conti con la Xylella, il batterio killer che ha mandato in fumo ettari di oliveti. I predoni delle olive sono i protagonisti della cronaca in Liguria, in grandissima difficoltà a causa della mancanza di olive taggiasche. Qui il calo si aggira intorno al 60%, e per la prima volta in 100 anni si dovrà ricorrere all’importazione. Anche la Calabria, seconda regione dopo la Puglia, denuncia un calo dell’80%. Uno scenario devastante anche dal punto di vista economico, che ha piegato moltissime famiglie, che ora non possono far altro che sperare nella prossima annata. In conclusione, noi di Slow Food vi suggeriamo di contattare il vostro produttore di fiducia, sperando che sia riuscito a salvare parte del raccolto. Se così non fosse, controllate nella Guida agli extravergini di Slow Food Editore, i suggerimenti non mancano e troverete l’olio che fa per voi! A cura di Alessia Pautasso Natale, lo spirito giusto? Evitare sprechi ed eccessi 15/12/2014 Parlare dell’accoppiata cibo e Natale è un po’ come sfondare una porta aperta. Come per tutte le principali feste religiose, nell’ambito di ogni tipo di culto, e per molte altre tradizioni che scandiscono il nostro annuario, il legame con ciò che ci nutre è inscindibile e determinante. Il rito prevede quasi sempre cibo, oppure divieti in tal senso. È quasi banale ricordare il ramadan, tutte le feste ebraiche, ma anche come nelle religioni orientali il rapporto con l’alimentazione sia qualcosa che riveste anche una funzione profondamente spirituale, si pensi per esempio alla tipica dieta coreana, una sorta di ying e yang quotidiano tradotto nel piatto. Si prova a nutrire l’anima, oltre che il corpo. Inoltre si pratica una forma di rispetto verso se stessi e la propria comunità, tanto più nel momento in cui i riti sono condivisi. Se guardiamo al Natale è però evidente come la celebrazione sia collettivamente sfociata in una scialba parodia consumistica di ciò che la festa religiosa rappresenta in origine. Segno dei tempi. Spesso diventa una scusa per una bella abbuffata, con conseguente spreco di denaro, salute e cibo che inevitabilmente finisce nella spazzatura. Essendo agnostico convinto, non posso farmi portavoce di un richiamo ai valori che per un cristiano il Natale comporta, ma certo un po’ più di attenzione a non sprecare, a farsi del bene, alla ricerca assieme agli altri di un poco di felicità, secondo le proprie inclinazioni, attitudini e retroterra culturale, ci vorrebbe davvero. Si potrebbe, da non credente, tradurre il tutto a un richiamo per una maggiore sobrietà, ma nel senso che abbiamo precisato con Enzo Bianchi durante le Repubblica delle Idee a Reggio Emilia: «Sobrietà non come rinuncia, ma distanza dall’eccesso». Questa distanza dal vortice natalizio, fatto troppo frequentemente più di quantità che non di qualità, potrebbe intanto indurci a riflettere, a pensare per esempio a come le ricette che cuciniamo a Natale, esattamente come le preparazioni previste da tutti gli altri precetti religiosi dei vari culti o anche da altri tipi di riti a tavola (penso al thanksgiving statunitense e al suo simbolico tacchino) siano qualcosa che in varie forme le nostre famiglie hanno fatto proprie e adattato. Sono un pezzo della nostra identità singola e collettiva, personale e comunitaria, e non ci rendiamo conto abbastanza di quanto dicano di noi stessi. Svilendole, sviliamo noi e i nostri rapporti umani. In una conferenza durante il Salone internazionale del Gusto e Terra Madre, la scrittrice Claudia Roden ha ricordato come lei, assieme a tutti i rifugiati in Inghilterra dopo la Crisi del Canale di Suez nel 1956, sentisse primariamente l’esigenza di raccogliere ricette, e di raccontarle agli altri. Era tutto uno scambiarsi d’istruzioni in cucina: la mia famiglia fa così, io faccio cosà… C’erano l’urgenza e la paura di essere dimenticati, che tutto ciò che si praticava a tavola, nel convivio con i propri cari e nel contesto della propria cultura, potesse sparire per sempre una volta immersi in un’altra nazione, sradicati dalla propria casa. Mentre prepariamo il pranzo o la cena di Natale, mentre siamo a tavola con le nostre famiglie, pensiamo al valore immenso di cosa mettiamo nei piatti, a ciò che rappresenta in termini di relazioni e di appartenenza a una cultura. Custodiamolo dal diluvio consumistico che ci assale in quei giorni, raccontiamocelo mentre lo pratichiamo, anche se ci può sembrare ormai scontato. Perché alla fine è ciò che ci accomuna, nelle differenze, a tutte le altre culture del mondo; è ciò che ci rende umani, cioè esseri in grado di essere felici. È un peccato non provarci con il cibo delle feste. Carlo Petrini Perché va tanto la iceberg? 15/12/2014 Il consiglio di questa settimana parte da un fatto piuttosto sorprendente: in questo momento il tipo d’insalata più venduto in Italia è la iceberg, con la Puglia in testa tra le regioni per la sua quantità di consumo. Fin qui niente di male, se non fosse che quasi tutta la lattuga di questo tipo è prodotta in Spagna e quindi importata. Si dice Spagna ma le zone precise sono Murcia e l’Andalusia, il Sud, all’estremo opposto del Mediterraneo. Immaginate di fare compagnia sul camion a questi cespi d’insalata lungo il loro viaggio fino in Puglia: un’eternità. È davvero un fatto curioso, perché in questo momento nel Paese abbiamo produzione di verdure da foglia di quasi ogni tipo in ogni luogo, e lasciando da parte indivie e scarole che sono di un’altra specie e sono ben più amare, tra lattughe cappucce, lattughe romane e lattughe da taglio non c’è che l’imbarazzo della scelta. Forse, se si vuole cercare qualcosa con le caratteristiche più simili alla iceberg, che si distingue per dolcezza e croccantezza, potremmo orientarci sulle lattughe romane, o anche quelle ricce. Rimane un mistero se sia di più la domanda dei consumatori a decretare il successo della iceberg (quella che si mette nei panini dei fast food, per intenderci) o qualche meccanismo di distribuzione che ha, come dire, innescato le voglie degli italiani, ma proprio non si spiega perché dovremmo rifiutare i prodotti locali a vantaggio di qualcosa che proviene da duemila chilometri di distanza, con il conseguente carico di inquinamento da Tir che porta con sé e anche con una freschezza non proprio di prima mano. Tra l’altro, non si spiega nemmeno perché gli agricoltori italiani non abbiano mai adottato la iceberg (ma non è che lo consigliamo), visto che il ciclo produttivo è breve e la programmazione sarebbe più semplice che in altri casi. In Puglia, che adesso è ancora una cornucopia di buone verdure, perché va tanto la iceberg? È proprio dura capirlo, ma noi sappiamo da che parte stare: da quella delle fresche produzioni locali, colte al mattino presto prima di andare al mercato. Saranno magari più amarognole, dai gusti meno standardizzati, ma ci piace la varietà; che l’insalata non sia mai la stessa. È il momento buono per (ri)scoprire nuovi sapori: oltretutto le insalate locali, che si trovano in crisi per la concorrenza spagnola, hanno circa lo stesso prezzo (1.50 al chilo) della iceberg. Carlo Bogliotti Impariamo a costruire senza consumare il suolo 15/12/2014 S. Martino al Cimino è un borgo pianificato del Seicento, Borromini lo volle a ferro di cavallo intorno a un’antica certosa. Marostica è un borgo pianificato medievale, una scacchiera urbana collegata alla rocca da un triangolo di mura di pietra. Oggi il loro meraviglioso rapporto con la campagna è irrimediabilmente compromesso. Come tanti antichi organismi urbani, S. Martino e Marostica annegano tra le villette. Tutto è stato fatto in regola. Lo scempio è figlio anzitutto di una miseria morale, poi dell’incrocio di ricchezza e povertà: di chi investe nel mattone, di chi ha rinunciato a un’agricoltura amara e dei Comuni, sempre a caccia di un euro in più. Parliamone ora, è l’ultima occasione. È ripartito l’iter legislativo del disegno di legge sul consumo di suolo, grazie all’azione chi ha a cuore Costituzione e salute dei cittadini. Per i ministri dell’Ambiente e dell’Agricoltura il suolo va definito come fondamentale risorsa agricola e naturale, la cui distruzione – a colpi di edilizia, cave, strade, depositi, discariche – compromette la sicurezza idrogeologica, la bellezza, la produzione di cibo sano. È importante: oggi, per la legge, abitati e infrastrutture sono suolo. La pianificazione edile deve “essere pervasa da un’essenziale considerazione delle funzioni del suolo” riguardo a clima, erosione, alimenti, biomasse, riserva genetica, turismo, paesaggio e va governata in “prospettiva residuale, tenendo conto delle effettive esigenze di abitazione”. Ottime premesse; servono misure efficaci. Alcune ci sono: il coinvolgimento nel monitoraggio di Ispra-Arpa e Cra-Inea, la tutela di cascine e casali. Bisogna rafforzare quelle su mitigazione e compensazione, evitare i ricorsi sui diritti acquisiti, censire gli edifici inutilizzati, come chiede il Forum Salviamo il Paesaggio. E cancellare la proroga – prevista dalla legge di Stabilità – dell’uso  di oneri di urbanizzazione per spesa corrente. Un assurdo bancomat che preleva dal patrimonio di tutti, per distruggere la bellezza italiana. Claudio Arbib Coordinamento nazionale Salviamo il Paesaggio e Professore Ordinario del Dipartimento di Ingegneria e Scienze dell’Informazione e Matematica In foto: San Martino al Cimino (Vt), credits: wikimedia commons Da La Stampa del 14 dicembre 2014